Musica

Pink Floyd: 4 anni senza Richard Wright

Un ricordo del leggendario tastierista

Olycom

L'ultima volta insieme sul palco al Live 8 di Londra nel 2005 – Credits: Olycom

"Non trovo facile esprimere i miei sentimenti con le parole, ma lo amavo e mi mancherà enormemente". Con queste parole David Gilmour aveva commentato a caldo il 15 settembre del 2008 la scomparsa di Richard Wright, uno dei pilastri della musica dei Pink Floyd. Un tastierista geniale quanto schivo, il regista occulto del sound della band.

Più delle parole parlano le sue composizioni: dalle suggestioni psichedeliche e visionarie di Ummagumma a brani che sono entrati nella storia della musica, come Echoes, Shine on you crazy diamond oppure Us and them o The great gig in the sky entrambi su The Dark side of the moon.

Negli ultimi anni della sua vita aveva collaborato al disco solista di David Gilmour, On an island. Successivamente aveva preso parte al tour dell'amico Gilmour, immortalato nel doppio cd Live at Gdansk, uscito pochi giorni dopo la sua scomparsa, il 26 settembre del 2008.

Pink Floyd live: Echoes

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>