Musica

One Direction a Torino: il racconto di tutto il concerto

6 luglio 2014, i Fab 5 della nuova musica pop inglese, chiudono il loro "Where we are" Tour Stadi 2014 in Italia. Dopo Milano, ecco tutte le informazioni, i dettagli e la scaletta dell'evento

– Credits: Alessandro Alicandri

Lo stadio è pieno e piove a dirotto. I One Direction stanno per chiudere il loro "Where We Are Tour" 2014 dopo loro prime dare trionfali al San Siro di Milano. Una chiusura, il 6 luglio 2014, con i fiocchi sotto una pioggia intermittente e inarrestabile.  Dovrebbe essere la terra del sole, la nostra, ma quando arrivano da noi trovano sempre poggia. Per fortuna a dare calore ci sono 50 mila ragazze e ragazzi senza paura.

Il divertimento è cominciato ben prima del live con la presenza dal vivo dei 5 Seconds of Summer e sugli schermi, con i successi di nuova generazione: Little Mix,  Olly Murs, Bruno Mars. C'è tempo per ballare sulle note di una Macarena. Dopo l'inizio della performance nessuno ha aperto più l'ombrello. La pioggia non esiste: bisogna godersi il concerto.

Sono le 20.37 e tutto ha inizio.  Il palco lo conosciamo già. Ispiratrici sembrano essere le montagne russe, ma la struttura (gigantesca) appare come una navicella spaziale prima del suo decollo. La performance si apre con i cinque ragazzi che girano il mondo sugli schermi, vediamo le mappe e i principali monumenti mondiali che si susseguono. Il pubblico è in attesa.

Parte "Midnight Memories" e i 1D salgono finalmente sul palco. Harry Styles,  vestito con una camicia hawaiana, ha i capelli lunghissimi. Sono tutti vestiti di nero,  con i pantaloni aderenti e solo Niall Horan, come sempre,  suona la sua chitarra (e suona molto più del precedente tour). Zayn Malik ha una giacca di pelle ed è sempre molto serio sul palco, lo sarà per tutta la durata per live (tranne per una singola eccezione).

La pioggia diventa molto più forte quando,  sulle note di "Little Black Dress",  la boy band sorpassa tutta la passerella centrale per arrivare fino al secondo palco,  situato al centro dello stadio. Liam è il primo a parlare con il pubblico. Dice: "Ciao Torino!".

Passiamo alla prima grande hit,  "Kiss You"  e sullo sfondo dagli schermi apparono skate colorati. Niall Horan dimostra ancora una volta di avere delle ottime corde vocali. La cosa che ci ha colpito di più è che tutti e cinque i ragazzi si dimostrano totalmente incuranti della pioggia. Ballano come se on fosse un problema,  anzi.

Subito dopo il brano Liam dice: "Ciao! Sta piovendo. Lo dico in italiano: noi amiamo l'Italia! Come state?  (torna a parlare in inglese) Ci vedete bene? Grazie per essere qui, divertitevi e cercate di restare asciutti (ride)" .

Harry dice in italiano: "Siete bellissimi". Poi in inglese: "Piacere di conoscervi,  voglio vedervi urlare a destra,  a sinistra,  in tutto lo stadio". E poi parte "Why don't we go there",  cantata al centro della passerella.  Si spostano nella zona più ondulata per cantare "Rock me"  e Louis Tomlinson infila un cappellino da baseball color granata che terrà addosso per tutto il concerto. Anche lui ha i capelli molto lunghi.

Louis a fine brano dice: "È bello vedere così tanta gente attorno".  Intrattiene il pubblico mentre Niall asciuga la chitarra. Niall subito dopo, accenna il brano "Singin' in The rain" per poi dire: "La pioggia si sta fermando".  Ed ecco arrivare "Don't forget Where you belong". La boyband è ferma a metà passerella e il pubblico risponde con un fan mob sulle tribune dove si compone la bandiera italiana.  Questa è la performance in cui Zayn ha dato il suo meglio.

Si cambia tono e si passa a "Live While We're young", dove invitano il pubblico a saltare. Anche se la pioggia è finita, loro sono bagnati fradici e approfittano del palco e delle apparecchiature waterproof  per scherzare tra loro, si schizzano addosso l'acqua sollevando la con i piedi. Zayn indossa un cappuccio di lana, Niall bagna Liam.

Sulle note di "C'mon C'mon",  Liam manda un bacio verso il pubblico mentre su "Right Now",Niall si toglie un auricolare per sentire il pubblico cantare meglio. A livello di presenza scenica e energia sul palco,  Niall ha una forza straordinaria. O quantomeno in questa serata si è mostrato in perfetta forma.

Con "Throught the Dark"  troviamo una delle esibizioni più emozionanti della serata.  Passiamo a "Happily" dove ad un certo punto della performance,  che si svolge sul secondo palco più piccoli e centrale,  vengono lanciate delle stelle filanti verso il pubblico.  Ufficialmente da questo momento ha smesso di piovere.

Per il momento più romantico della serata,  è il momento giusto per sentire "Little Things",  che viene portata sul palco accompagnata da migliaia di telefonini accesi con il flash.  Anche qui,  incitano il pubblico a finire la canzone al pubblico.  È ancora Liam a voler parlare con il pubblico è dice: "Vi state divertendo? (poi in italiano) Come stai? (Poi in inglese) Finalmente ha finito di piovere!".

Si passa a "Moments" dove Liam canta per gran parte del brano con un'ottima voce. I loro abiti sono inzuppati ma non si cambiano. Avrebbero potuto farlo ma è evidente che non vogliono perdere tempo. Preferiscono rimanere bagnati esattamente come il loro pubblico.

A fine esibizione è Niall a urlare "Torino!"  e poi "Pizza,  Pizza!  Grazie a Dio Per la pizza"  e chiude il suo intervento giocoso facendo il segno della croce. "Vi state divertendo?",  continua Niall,  e poi in un momento di coinvolgimento collettivo sulle parole "Italia,  Italia, chiama il giocatore della nostra Nazionale,  Balotelli".  Harry e gli altri iniziano a citare tutti i cibi italiani che amano: la carbonara,  le linguine,  la milanese,  le penne all'arrabbiata. Insomma, si gioca.

Su "Strong", altro fan mob,  con cartelli portati a casa dalle fan (e custoditi gelosamente nonostante la pioggia) dove ognuno ha scritto "You make me..."  e una parola.  Harry ammette che il pubblico di Torino è molto "rumoroso" e chiede al tre di urlare.  Il pubblico si fa sentire.

Su "Alive"  partono alcuni fuochi d'artificio e Liam raccoglie da terra un cappello country con i colori della bandiera italiana con scritto 1D. Arrivano al secondo palco centrale che si solleva di alcuni metri,  mostrando uno schermo grafico che circonda l'intera piattaforma sollevata. È il momento di "One Thing",  sullo sfondo una simpatica grafica in 8 bit ispirata ai videogiochi racconta un viaggio fantastico.

Louis dice: "Siete incredibili. Va tutto bene?  Vi state divertendo?  È il momento di ringraziarvi".  Subito dopo tutto si esibiscono con un simpatico accenno a "Viva la vida" dei Coldplay, un momento strano,  emozionante e molto ben cantato dai ragazzi. In quel momento arriva il ringraziamento alla band,  salutata come si deve anche dal pubblico. Siamo qui al gran finale con "What Makes You beautiful"  dove i Fab 5 tornano al palco principale.

Forse non vi abbiamo detto che alla fine l'unico ad essersi cambiato e per ben due volte alla fine è solo Niall,  il quale viene poi regolarmente bagnato di nuovo dal resto del gruppo non solo con l'acqua,  ma anche con delle bibite energetiche dolci e quindi appiccicose.

Ecco il momento dei bis.

Siamo praticamente alla fine è i ragazzi hanno voglia di giocare.  Niall ha addosso il suo secondo cambio di maglietta con una scritta divertente: "Boarder"  e sotto l'immagine di un Border Collie.  Il resto del gruppo rientra esattamente come è uscito: bagnato fino al collo. Cantano "You & I"  ma non lo fanno seriamente,  hanno troppa voglia di giocare tra loro.

Si passa a "Story of my life"  dove diamo tanto di cappello a Harry Styles che in questa performance dà tutto se stesso.  

Ecco i ringraziamenti a noi pubblico della serata,  dalla voce di Liam.  Ci dice "Ti amo (e poi in inglese)  grazie per essere stati qui,  è stato fantastico,  ci vediamo presto" .  Cantano ancora "Little White Lies"  e "Best Song ever",  ci salutano dimostrando tutto il loro affetto per l'Italia,  promettendo di tornare al più presto.  Arrivano sullo sfondo del palco e una piattaforma li fa scendere mentre le luci si spengono. Sono le 22.22, il concerto è finito.

Ci auguriamo di essere riusciti a raccontare questo concerto in tutti i dettagli. Per chi non c'era e per chi vuole rivivere i momenti più belli del live. Se ci sono particolari che non abbiamo notato e volete condividere con noi,  saremmo felici di leggerli nella sezione dei commenti qui sotto.

La scaletta del 6 luglio 2014 - One Direction

Midnight Memories"
"Little Black Dress"
"Kiss You"
"Why Don't We Go There"
"Rock Me"
"Don't Forget Where You Belong"
"Live While We're Young"
"C'mon C'mon"
"Right Now"
"Through the Dark"
"Happily"
"Little Things"
"Moments"
"Strong"
"Better Than Words"
"Alive"
"One Thing"
"Diana"
"What Makes You Beautiful"

Bis

"You & I"
"Story of My Life"
"Little White Lies"
"Best Song Ever"

© Riproduzione Riservata

Commenti