Musica

George Ezra: la recensione di "Wanted on voyage"

Blues, country e pop nel disco di debutto del giovane talento dell'hit Budapest

George Ezra – Credits: Sony Music

George Ezra ha 21 anni e una profonda voce blues. Il motivo per cui conosciamo il suo nome è una canzone bellissima, Budapest, che l'anno scorso si è fatta largo nelle classifiche di tutta Europa. Ecco, il primo errore sarebbe considerare Ezra un artista one hit wonder. A smentire questa ipotesi ci sono le canzoni del suo primo disco, Wanted on voyage. 

Ezra suona la chitarra, il basso e le tastiere. Ha anche una voce intensa ed accattivante. Perfetta per quella strana commistione tra blues, country, folk ed attitudine pop che caratterizza le sue canzoniIl disco viene pubblicato in versione cd deluxe con 16 canzoni e vinile + cd, entrambi contenenti 12 canzoni. "Non mi dò nessun’aria da musicista, ci tengo a sottolineare che sono solo un ragazzo con la chitarra” dice lui. 

Professioni di modestia a parte, Ezra ha talento ed abilità sufficienti per costruire una carriera vera e non un percorso usa e getta. Lo dicono le sue canzoni, ben scritte e ben interpretate. Come Barcelona, Cassy 'O  e la movimentata Stand by your gun. E poi c'è Spectacular, ispirata ballad decadente che profuma di musica desertica. Da incorniciare.  

George Ezra sarà in concerto in Italia a luglio come supporto ai Bastille il 25 a Ferrara, il 26 a Roma e il 27 a Udine. 

© Riproduzione Riservata

Commenti