Musica

Eros Ramazzotti, "Noi": tra duetti e nuovo singolo, ci hai fatto soffrire

L'attesa del 13 novembre è ancora lunga. Facciamoci accarezzare dal nuovo singolo "Un angelo disteso al sole", il videoclip e tutte le notizie ufficiali sul nuovo progetto discografico, compreso il tour

La Presse

– Credits: La Presse

Sembra passata un'eternità. E invece Eros Ramazzotti è tornato dopo tre anni di attesa, con "Un angelo disteso al sole", il nuovo singolo che anticipa "Noi", il nuovo album di inediti atteso per il 13 novembre 2012. Ma questo lo sapevate già, è da un'estate che cerchiamo, a volte senza successo, di scoprire qualcosa, intuire qualche particolare di questo nuovo album, "Noi".

E finalmente le notizie ufficiali sono arrivate.

Un mese di attesa ci separa dal grande giorno, quando avremo tra le mani il nuovo album. Ormai, questo aspettare stava diventando un incubo. A leggerle ora, le notizie ufficiali sui duetti, non ci si crede, eppure è realtà. La certezza è che tutti i brani hanno titoli italiani e presumibilmente saranno cantati del tutto o quasi del tutto in lingua italiana.

I nomi dei 14 nuovi pezzi proposti con relative featuring sono: Noi, Un angelo disteso al sole, Questa nostra stagione, Io sono te (con Giancarlo Giannini), fino all'estasi (con Nicole Scherzinger), Abbracciami, balla solo la tua musica, Infinitamente, Polaroid, Sotto lo stesso cielo, Una tempesta di stelle, Testa o cuore (con i Club Dogo ), Così (con il Volo) e Solamente uno (con gli Hooverphonic).

In attesa del grande ascolto degli inediti, ci consoliamo con il videoclip ufficiale di "Un angelo disteso al sole", che racconta (su regia di Ago Panini) di un incontro speciale, di amori possibili e di incontri impossibili. Un video registrato a Madrid, che si caratterizza soprattutto sul suo inizio, dove Eros canta le prime parole del brano "live" e per tutta la durata del pezzo, lo canta quasi come se non fosse sua.

Inutile dire che il pubblico è felice. E il motivo è che è esattamente quello che i fan, oggi, si aspettavano da lui. Una canzone d'amore, semplice, che arriva all'istante, con ritmi adatti alle radio, attuali. Il miracolo di Eros è tornato: è riuscito a creare una melodia e un testo che gira in testa in modo ipnotico, si fa ricantare (esattamente come fa lui nel brano).

Dobbiamo parlare anche delle indiscrezioni che precedevano le notizie ufficiali. Confermato il brano insieme al trio Il Volo, i tre giovani nati dal talent show di Raiuno Ti lascio una canzone e anche il grosso duetto internazionale (il nome che ricorreva era quello di Jennifer Lopez, smentito dai fatti). La fortunata è stata invece Nicole Scherzinger, nota al grande pubblico grazie alla girl band Pussycat Dolls. Confermata anche una delle voci più laterali che voleva protagonisti i Club Dogo.

Totale sorpresa, invece, la presenza degli Hooverphonic, gruppo elettronico trip hop molto conosciuto dal grande pubblico per brani stupendi come "Mad About You" e "Anger Never Dies". Immaginiamo per questa traccia di chiusura un sound davvero speciale. Stesso discorso per Giancarlo Giannini. Negli ultimi giorni, su fonti non ufficiali, si parlava di una collaborazione speciale che non si poteva però definire un vero duetto, infatti si tratta di un contributo del famoso attore sul finale.

Una certezza inequivocabile è il tour, in partenza il 9 marzo da Torino, un live di 34 date, di cui solo 8 saranno in Italia, il resto in tutta Europa. L'11 settembre 2013 è prevista una data unica all'Arena di Verona.

Eros Ramazzotti, ancora una volta, sembra aver capito tutto: proporre un album apparentemente semplice, classico, suo in ogni aspetto, fin dalla copertina che riecheggia graficamente a suoi vecchi lavori, contenitore riconoscibile per qualcosa che al suo interno risulti prezioso, particolare, proiettato all'estero (come sempre) e curato, mai banale.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>