Pharrell
Musica

Apple Music Festival, il programma e le cose da sapere

Pharrell Williams e One Direction tra i nomi di punta attesi sul palco della Roundhouse di Londra dal 19 al 28 settembre

Cambia appena un po’ il nome - Apple Music Festival anziché iTunes Festival - ma la sostanza rimane identica. A partire dalla location, la leggendaria e insieme intima Roundhouse di Londra, fino alla formula: biglietti a costo zero in palio per i residenti nel Regno Unito, concerti per gli appassionati di tutto il mondo gratuiti, in diretta e on demand. Disponibili su computer fissi e portatili, telefonini, tavolette e tv. In alta definizione, per godersi ogni minima nota.

 

Dal 2007 la kermesse organizzata da Cupertino rende meno amara la fine dell’estate. Stavolta il calendario si restringe, con dieci notti anziché le classiche 30: si apre il 19 settembre con Ellie Goulding e si chiude il 28 con Florence + The Machine, ma si allarga l’interazione con gli artisti. Tutto passa da Apple Music, il servizio in streaming della mela morsicata lanciato da qualche settimana per fare concorrenza a Spotify, Deezer e simili. Tramite la funzione «Connect» gli artisti condivideranno foto dal backstage, scaletta, testi delle canzoni, video inediti e altro materiale. Mentre a rendere ancora più capillare e interattiva la copertura dell’evento provvederà la radio Beats 1, sempre parte del pacchetto Apple Music.

I cantanti, comunque, restano il punto di forza della manifestazione. In otto anni si sono alternati davanti ai microfoni i più grandi nomi della scena musicale contemporanea. Dai Coldplay ai Maroon 5, da Lady Gaga a Katy Perry, da Elton John ad Adele, passando per tutti i principali deejay che fanno ballare il popolo della notte a icone indiscutibili come Beck o il nostro Ludovico Einaudi.

Sono tanti i nomi di richiamo: gli One Direction, idoli delle teen ager, che si erano esibiti alla Roundhouse nel 2011 e tornano sul palco dopo che, 12 mesi fa, l’onore era toccato ai 5 Seconds of Summer, per molti i loro eredi naturali. «Ci vediamo lì» ha già fatto sapere ai fan Niall, il biondino del gruppo. All'ingresso della venue sarà il consueto delirio.

Apple-Music-Festival-Logo

Il nuovo logo della kermesse – Credits: Apple

Graditissima doppietta per il sovrano assoluto delle note, Pharrell Williams. Era senz’altro la punta di diamante del 2014, dove ha chiuso in tripudio la serata con la sua «Happy» e un contorno di ballerine scatenate in jeans cortissimi, è pronto a ripetersi il 26 settembre: «La Roundhouse è un luogo talmente storico… c’è sempre un’energia speciale nella folla» ha commentato.

Davvero prezioso, vista la qualità sul tappeto, sarà il live di Florence + The Machine, una delizia di sonorità rock con echi di soul, strizzate d’occhio al pop e testi molto intensi. Debutto assoluto invece per i Disclosure il 25 settembre, giorno d’uscita del loro nuovo album, Caracal. Elettronica allo stato puro con collaborazioni di pregio, come quella con Sam Smith per il singolo Omen, vicino ai 15 milioni di clic su YouTube.

«Volevamo fare qualcosa di veramente speciale per gli appassionati di musica»

«Quest'anno volevamo fare qualcosa di veramente speciale per gli appassionati di musica» ha detto Eddy Cue, vicepresidente senior di Internet Software and Services dell’azienda di Cupertino. «Apple Music Festival» ha aggiunto «è un set di dieci incredibili notti di grandi successi con alcuni dei migliori interpreti del pianeta che si esibiranno live e interagiranno direttamente con i loro fan». Non resta che iniziare il conto alla rovescia e prepararsi ad alzare il volume al massimo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti