Una cameriera serve una dozzina di boccali di birra

Monaco di Baviera, 22 settembre 2012. Una cameriera serve una dozzina di boccali di birra. – Credits: EPA/FELIX HOERHAGER

Si è aperta sabato 22 settembre, a Monaco di Baviera, la 179esima edizione dell'Oktoberfest , la più celebre e frequentata festa della birra del pianeta, che secondo le previsioni richiamerà quest'anno quasi 7 milioni di visitatori in due settimane, con gli italiani al primo posto tra gli stranieri.


Nella festa popolare più grande del mondo si prevede che i visitatori spenderanno quest'anno oltre 1,1 miliardi di euro, dando una forte spinta all'economia cittadina e offrendo lavoro per alcune settimane a 12.000 persone, oltre che nel servizio ai tavoli, nel montare e smontare i giganteschi tendoni sul piazzale sotto la gigantesca statua bronzea della "Bavaria". Per soddisfare l'appetito dei visitatori di questa enorme kermesse verranno abbattuti mezzo milione di polli, 92 vitelli e 118 manzi; saranno consumati anche 70.000 stinchi di maiale e 250.000 würstel.


Una statistica resa nota per l'occasione mostra che, con un boccale da un litro servito a 9,10-9,50 euro, di fatto la birra costa all'Oktoberfest come al banco in Italia: il prezzo per 30 centilitri è infatti di 2,79 euro, mentre in Italia la media è di 2,60 euro. Per farsi servire la stessa quantità della bionda bevanda, un francese deve invece sborsare 4,65 euro, uno svizzero 4,53 e un britannico 3,88 euro. A minor prezzo se la cavano in Europa solo gli spagnoli (1,99 euro) mentre il bicchiere di birra da 30 centilitri più a buon mercato lo si beve nella Repubblica Ceca (1,34 euro).

(AGI)  

© Riproduzione Riservata

Commenti