Uno fra i principali protagonisti del Nuovo Cinema Tedesco, per Wim Wenders la fotografia riveste un ruolo fondamentale nella descrizione di atmosfere sospese, nella realizzazione di immagini pregnanti, di paesaggi desolati o di scenari urbani in cui il tempo è all’opera. Le opere esposte a Napoli sono realizzate in Germania, Armenia e Giappone  e rispecchiano i filoni principali della ricerca di Wenders: la percezione diretta della realtà nel vedere e nel viaggiare. Immagini sospese, che raccontano il passaggio dell’uomo attraverso la sua assenza, la memoria dei luoghi in un silenzioso flusso del tempo.
La mostra, curata da Adriana Rispoli, è promossa  e organizzata dalla Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli con Incontri Internazionali d’Arte e Civita. E’ realizzata con il patrocinio della Regione Campania e grazie al supporto di: Ambasciata della Repubblica d’Armenia in Italia, Goethe Institut di Napoli, Caronte & Tourist, Sorgenia, MAG JLT, Metropolitana Napoli; con la collaborazione tecnica di Willis Italia

Wim Wenders
Appunti di viaggio. Armenia Giappone Germania
a cura di Adriana Rispoli
21 settembre -17 novembre 2013
Villa Pignatelli - Casa della fotografia,  Napoli

© Riproduzione Riservata

Commenti