Dal 18 settembre 2015 al 10 gennaio 2016 gli spazi espositivi del Foro Boario di Modena ospiteranno un nucleo di acquisizioni riferite ai paesi nordici, entrate di recente a far parte delle collezioni gestite dalla fondazione e sinora mai esposte: cuore dell’allestimento, incastonato nel percorso come una ‘mostra nella mostra’, sarà l' importante omaggio al fotografo norvegese Tom Sandberg (1953 – 2014), le cui opere intendono dialogare con quelle degli altri artisti europei in un gioco di rimandi e affinità più o meno evidenti.

Nel corso di una carriera più che trentennale, Sandberg ha lavorato soprattutto con la tecnica del bianco e nero, prediligendo medio e grande formato e dando vita ad un corpus di opere rilevante.

I lavori esposti a Modena sono pervasi da un’inquietudine tipicamente nordica: visioni che divengono riflessioni aperte sulla vita e sulle sue infinite sfumature (sottolineate da una superba stampa), in taluni casi vere e proprie allucinazioni che richiamano gli incubi di Munch, nelle quali la presenza umana diviene una proiezione di sé, tanto incerta quanto definitiva.

Le opere saranno allestite intenzionalmente in maniera disomogenea e senza didascalie, secondo quanto indicato dall’artista. Una sorta di caos esistenziale senza soluzione, dove però tutto ha una sua logica: così Sandberg aveva immaginato la sua ultima esposizione insieme all’amico curatore Sune Nordgren prima di morire. I visitatori avranno l’opportunità di calarsi a fondo nel tormentato mondo interiore di Sandberg anche grazie a due documentari proiettati in mostra, con testimonianze dirette dell’artista e dei suoi amici più stretti

L’intero progetto espositivo è a cura di Filippo Maggia, direttore di Fondazione Fotografia Modena.

La mostra delle nuove acquisizioni dall’Europa nord-occidentale e l’omaggio a Tom Sandberg sono promosse da Fondazione Fotografia Modena e Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con il sostegno di UniCredit

Fotografia contemporanea dall’Europa nord-occidentale. Capitolo I
Tom Sandberg. Around myself
Modena, Foro Boario, 18 settembre 2015 – 10 gennaio 2016

© Riproduzione Riservata

Commenti