Fino al 27 giugno 2015 la Contrasto Galleria di Milano, nei suoi spazi rinnovati in via Ascanio, presenta la mostra collettiva dal titolo IDENTITÀ ritratti (fotografici) a confronto, che propone al pubblico un'occasione per riscoprire gli archivi dei maestri della fotografia italiana, affiancati per l’occasione a grandi nomi della scena internazionale, attraverso il filo conduttore del ritratto.

Attraverso gli scatti di 11 grandi maestri, accomunati dal fatto di essersi dedicati, quasi esclusivamente o almeno saltuariamente, al ritratto (Gianni Berengo Gardin, Piergiorgio Branzi, Lorenzo Cicconi Massi, Elliott Erwitt, Mario Giacomelli, William Klein, Jacques-Henri Lartigue, John Loengard, Erwin Olaf, Martin Parr e Sebastião Salgado), l'esposizione guida l'osservatore attraverso l’evoluzione di questo genere, a partire dagli anni Trenta del '900 fino ai giorni nostri.

The whole point of taking pictures is so that you don’t have to explain things with words. Elliott Erwitt

Tra gli altri, incontriamo i volti dei personaggi celebri che hanno sfilato davanti agli obbiettivi di Elliott Erwitt e Gianni Berengo Gardin negli anni '60: Sophia Loren, Salvador Dalì, Marlene Dietrich, Roy Lichtenstein; o i volti immaginati da Erwin Olaf, protagonisti di una Berlino a cavallo tra i due dopoguerra, ispirati, tra le tante suggestioni, ai quadri della nuova oggettività tedesca di Otto Dix; o ancora i ritratti meno narrativi e più metafisici di due grandi nomi italiani: Piergiorgio Branzi con Pasqua a Tricarico (1955) e Lorenzo Cicconi Massi con Fedeli alla tribù – Un altro mondo (1999).

Identità. Ritratti (fotografici) a confronto
26 marzo-27 giugno 2015
CONTRASTO GALLERIA
Via Ascanio Sforza 29 Milano
Ingresso gratuito 
Martedì-sabato 15-19 e su appuntamento

© Riproduzione Riservata

Commenti