Ha inaugurato ieri, 11 luglio, presso Villa Necchi Campiglio , gioiello architettonico anni '30 nel cuore di Milano, l'esposizione "Mostri a Venezia": 27 fotografie in bianco e nero scattate da Gianni Berengo Gardin, tra il 2012 e il 2014, che raccontano e denunciano l'invasione quotidiana subita dal Canale della Giudecca di Venezia da parte delle mastodontiche navi da crociera. 

 

"Una mostra di grande impatto che intende far riflettere su questi mostri che quotidianamente minacciano Venezia, che con i loro "inchini" fanno tremare più volte al giorno i suoi preziosi monumenti, che con i loro volumi producono onde e correnti sottomarine che logorano le delicate fondamenta della città, e che con i loro motori inquinano l'aria. Le fotografie costituiscono un reportage duro, severo, rigoroso: un lavoro di testimonianza, ma soprattutto di denuncia da parte di uno dei più grandi fotografi italiani, Gianni Berengo Gardin che ha vissuto a lungo a Venezia, città di suo padre. Un lavoro che equivale a una presa di posizione netta, che il fotografo sente come un dovere civile."

 

La mostra è presentata dal FAI - Fondo Ambiente Italiano , in collaborazione con Fondazione Forma per la FotografiaContrasto .

 

Mostri a Venezia

11 luglio - 28 settembre 2014

Villa Necchi Campiglio

via Mozart 14, Milano

© Riproduzione Riservata

Commenti