"È il suo fotografare, quasi una rapida, fulminea organizzazione della realtà, una catalizzazione della realtà oggettiva in realtà fotografica: quasi che tutto quello su cui il suo occhio si posa e il suo obiettivo si leva obbedisce proprio in quel momento, né prima né dopo, per istantaneo magnetismo, al suo sentimento, alla sua volontà e - in definitiva - al suo stile."

Leonardo Sciascia

 

Inaugura il 16 maggio, nelle sale espositive della dimora storica di Palazzo Taverna, tra Piazza Navona e Castel Sant’Angelo a Roma, la mostra "Sicilia Mondo ", che propone una serie di scatti in bianco e nero di Ferdinando Scianna, classe 1943, grande maestro della fotografia, primo italiano a entrare nella prestigiosa agenzia Magnum Photos. La mostra, presentata in partnership dalle gallerie Emmeotto e Artistocratic, sarà aperta al pubblico fino al 18 luglio. 

 

La mostra propone un "giro per il mondo" che, partito dalla sua Sicilia, nel corso della sua carriera ha portato il fotografo nelle grandi metropoli statunitensi - New York e Los Angeles - e in seguito verso le mete più lontane, come l'India o il Giappone. Un viaggio per immagini che mostra le grandi capacità di Scianna nel raccontare luoghi e culture, di osservare da cronista e di restituire da narratore. 

 

Dalle opere che immortalano le tradizioni della Sicilia emergono con stupefacente intensità, già nei lavori risalenti agli anni '60, la bellezza quasi carnale dell'isola e le sue contraddizioni. L'artista ritrae le feste religiose profondamente radicate nella tradizione siciliana, dove l’artista si ritrova sbalordito in mezzo a impressionanti pellegrinaggi, come quello per i santi Alfio, Cirino e Filadelfo al santuario di Tre Castagni o a Baucina, dove si celebra un'interminabile notturna processione, per la miracolosa Santa Fortunata. E in tanti altri paesi siciliani, tra riti splendidi e intensi.

 

Un'impronta da narratore e reporter, quella nell'arte di Scianna, che si ritrova anche quando, negli anni '80, per la prima volta si trova quasi inaspettatamente a lavorare per la prima campagna pubblicitaria di Dolce&Gabbana, che porta la sua firma. Cin gli scatti che raffigurano Marpessa, modella e musa ispiratrice della campagna, nasce una nuova e rivoluzionaria fotografia di moda: Scianna mette la modella nel contesto della vita, anche se, all'inizio, "con un certo senso di colpa" per via del monito di Henri Cartier-Bresson a "non mettere mai in posa il mondo". 

 

Sicilia Mondo

16 maggio - 18 luglio 2014

Galleria Artistocratic, Palazzo Taverna

Via di Monte Giordano 36, Roma

© Riproduzione Riservata

Commenti