"POP STYLE ICONS: 30 anni di icone da Kate Moss a David Bowie negli scatti di Michel Haddi" è il titolo della mostra realizzata in collaborazione con ONO arte contemporanea ed è un'esposizione importante, che attraverso i soggetti più rappresentativi immortalati dal celebre fotografo di moda francese, racconta non solo l’evoluzione dello stile di tre decenni segnati da profondi cambiamenti storici e culturali, ma testimonia anche il passaggio dall’analogico al digitale e alle infinite possibilità che questo ha aperto nell’ambito della fotografia di moda e costume.


Le date

La mostra è aperta dal 13 giugno al 30 luglio 2017. Si può visitare dal Lunedì alla Domenica dalle 11:00 alle 20:00

Dove

Ad ospitare l'esposizione il Barberino Designer Outlet di Barberino di Mugello, Via Meucci snc

Perché è interessante

Gli oltre quaranta personaggi esposti in mostra, da Kate Moss a David Bowie passando per Cameron Diaz, Liza Minelli, Angelina Jolie, UmaThurman, Keanu Reeves, ci permettono di vedere da vicino il lavoro e l’evoluzione dell’immagine contemporanea, seguendo il passaggio dall’analogico della carta stampata e patinata dei primi lavori di Michel Haddi, fino all’avvento di internet e del digitale: un passaggio epocale per la fotografia, nel quale solo gli artisti come Haddi hanno saputo mantenere un occhio intelligente ed innovativo in un mondo e in una cultura accelerati, che cambiano costantemente e a grande velocità.

Le immagini esposte sono state selezionate insieme a Michel Haddi e provengono da un archivio sterminato di volti noti e meno noti: icone del passato e nuovi modelli culturali sono qui accomunati dal taglio contemporaneo e sempre attuale del noto fotografo francese

Michel Haddi

Parigino, classe 1956, molti sono stati i momenti significativi nella carriera di Michel Haddi, ma sicuramente le copertine di Vogue, che aveva avuto modo di sfogliare durante la sua infanzia, hanno lasciato un segno indelebile e fatto emergere quel sogno - che sarebbe poi diventato realtà - di diventare fotografo di moda.

Fra i pochi professionisti dell'obiettivo capaci di trasformare foto di moda in creazioni artistiche reali, Haddi vanta collaborazioni con i magazine patinati più prestigiosi (Vogue, in primis, e poi GQ, Sunday Times, Tatler ...) e con brand di lusso come Emporio Armani, Yves Saint Laurent, Givenchy, Pucci: alcuni dei suoi scatti più significativi (come quelli a Uma Thurman, Debbie Harry, Red Hot Chili Pepper, Kylie Minogue) sono condensati tra il 1987 e il 1989, ma i soggetti si ampliano quando Haddi si trasferisce a Venice Beach.

Dal mondo del cinema a quello della musica, sembra quasi non esista celebrità che non sia passata davanti all’obiettivo puntuale di Michel Haddi, i cui scatti sentono l’influenza di fotografi del calibro di Cecil Beaton, Irving Penn, Richard Avedon, David Bailey, Helmut Newton o Mario Testino, che Haddi ha sempre guardato con ammirazione.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Maria Mulas - Obiettivo Milano

Dal 1° giugno al 6 settembre 2017, a Palazzo Morando, in mostra le foto che raccontano uno spaccato di vita milanese

Cortona on the move: New Visions

Aperta la prima submission della settima edizione un invito a partecipare al festival presentando opere originali di tipo documentaristico

Commenti