Tech & Social

Nick Woodman, l’ultimo miliardario del 2012 tutto surf e video

A 36 anni ha creato la Gopro, piccola telecamera che riprende in ogni condizione: ne ha vendute 3 milioni

Credits: Gregg Segal

Con gli altri paperoni della Silicon Valley, tutti parvenu un po’ nerd e sempre inchiodati di fronte a un pc, Nick Woodman ha in comune soltanto il patrimonio a nove zeri. Per il resto questo imprenditore 36enne è un campione di dinamismo sempre a caccia di adrenalina: surfista, ciclista, motociclista, pilota a tempo perso. D’altronde è agli sport, in particolare a quelli estremi, che deve la sua fortuna: ha creato la Gopro, una videocamera piccola ed economica (parte da meno di 250 euro) che permette di fare riprese di qualità ovunque, ad alta quota come in acqua. Può essere attaccata in modo stabile a qualsiasi cosa che si muove e i risultati che si ottengono sono ottimi.

Questa intuizione ha venduto 3 milioni di pezzi in 3 anni e ha portato la società a raggiungere una valutazione di 2,25 miliardi di dollari, dopo che il colosso taiwanese Foxconn, lo stesso che fabbrica gli iPhone, ne ha acquisito circa il 9 per cento. Trasformando Woodman, che dell’azienda è il socio di maggioranza, in un neomiliardario.

La Gopro non è solo hardware, ha alla base una popolosa community di appassionati che non si limita a girare i video, ma li carica senza sosta su internet. La società californiana conta quasi 500 mila iscritti sul suo canale ufficiale su Youtube, dove le visualizzazioni sono già oltre 200 milioni. Woodman guadagna insomma su contenitore e contenuti, da cui peraltro ottiene quintali di pubblicità gratuita, e dimostra di avere saputo mettere a frutto il passato, la lezione appresa dalla sua prima creatura: una società di marketing online scoppiata assieme alla grande bolla di internet di inizio Duemila.

È stato allora che il neomiliardario allora spiantato si è rimboccato le maniche e si è messo a girare il mondo a caccia dell’idea giusta. L’ha trovata in Australia e in Indonesia, osservando i surfisti che cercavano di registrare le loro esibizioni e finendo puntualmente per distruggere la telecamera fissata alla tavola con supporti di fortuna. L’avrebbe costruito lui quel supporto e, più tardi, avrebbe deciso di abbinargli anche una videocamera.

Per finanziarsi niente capitali esterni: ha comprato 600 cinture di conchiglie a 1,9 dollari l’una e le ha rivendute negli Usa a 60 dollari al pezzo. Con quei soldi si è messo a studiare e dare forma al successo che oggi è la Gopro. Che ha reso Woodman non solo un miliardario fuori dai soliti schemi ingessati dei colossi dell’hi-tech, ma anche un prototipo da manuale del provetto self-made man.

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Paperoni, ecco i più ricchi del mondo

In testa Carlos Slim con 75,2 miliardi di dollari, seguono Bill Gates e Ortega. Ferrero il primo italiano nella classifica Bloomberg Billionaires Index

Commenti