Tech & Social

Nasce Gala Lab, acceleratore d'imprese green

Creato dalla società Gala, quarto operatore italiano nell'energia, investirà in start-up innovative nel settore delle smart city e delle smart factory

WP_20151104_004

Filippo Tortoriello, presidente e ad di Gala e, a destra, Mariano Corso dell'Osservatorio del Politecnico di Milano

La società Gala, quarto operatore italiano dell’energia, dà vita a Gala Lab, il primo acceleratore d’imprese innovative a sostegno della nascita e dello sviluppo di start-up a elevata innovazione tecnologica nei settori green energy, smart building, mobilità e trasporti, smart tourism, life science.

In Italia sono sempre più numerose le iniziative in materia di smart city e smart factory, realtà che applicano tecnologie rivoluzionarie come l’Internet delle cose e il cloud. Secondo i dati forniti dall’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano, alla fine del 2014 si contavano 8 milioni di oggetti connessi tramite rete cellulare, con una crescita del 33% rispetto al 2013, per un valore di mercato superiore al miliardo (+28% rispetto all’anno precedente).

Il livello dei finanziamenti ottenuti a livello globale dalle start-up che operano in questi mercati ha raggiunto i 2 miliardi di dollari (dati sempre dell’Osservatorio Internet of Things del Politecnico di Milano), segnando una crescita del 125% tra 2012 e 2013, e un +94% tra 2013 e 2014, anche grazie agli interventi legislativi negli ultimi anni e alla nascita di diversi nuovi attori come incubatori e acceleratori, spesso su iniziativa di imprese private.

Eppure solamente il 5% delle startup presenti nei portafogli può esser definita come startup attiva nel segmento smart city & community. I principali incubatori negli ultimi anni si sono invece focalizzati sul mondo web (40% del totale del campione), mobile app (21%) ed e-commerce (20%).

Per questo oggi nasce Gala Lab: per supportare le start-up attive nelle soluzioni e nei servizi per le smart city & factory, mettendo a disposizione un articolato programma che comprende investimenti di fondi propri e co-investimenti di terzi, servizi di mentoring, coaching e temporary management per le start-up.

Le start-up avranno a disposizione anche spazi fisici esclusivi e l’opportunità di essere parte del programma di innovazione del Gruppo Gala. Gala Lab ha lanciato una "call for ideas" per raccogliere e selezionare le candidature d'iniziative da inserire nel suo  programma di accelerazione. “L’obiettivo di questa prima Call for Ideas" dice Roberto Guida, amministratore delegato di Gala Lab "è sollecitare l’ecosistema delle start-up italiane, cercando di individuare e sostenere le innovazioni che saranno alla base della produzione, della distribuzione e dell’uso dell’energia e delle tecnologie per le smart cities & factory di domani”.

© Riproduzione Riservata

Commenti