Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Tech & Social

Fare shopping con lo smartphone? Ormai è un dato di fatto

Una ricerca condotta da Gfk Eurisko per conto di PayPal conferma: aumenta il numero dei nostri connazionali propensi a fare acquisti da un telefonino intelligente. Nel 2017 un italiano su quattro farà compere via cellulare

– Credits: sinkdd @ Flickr

Alla faccia della recessione, dell’austerity, del debito pubblico e di tutte le altre zavorre che rallentano l’economia globale c’è un settore che sembra vivere in un mondo a sé: è quello dei cosiddetti acquisti in mobilità, m-commerce per chi mastica l’inglese. È l’ultima declinazione dello shopping su Internet, una modalità d’acquisto che abbiamo imparato a conoscere sui nostri PC negli ultimi 15 anni e che oggi vive una seconda giovinezza grazie al boom dei telefonini intelligenti.

L’ultimo report stilato da Gfk Eurisko parla chiaro: il 67% dei possessori di cellulari in Italia (circa 7 su 10 dai 18 ai 64 anni) sono a conoscenza della possibilità di fare acquisti attraverso il proprio dispositivo mobile, ma si arriva a quasi l’80% (79%) quando c’è di mezzo uno smartphone. Incoraggiante la propensione agli acquisti: 2 italiani su 10 dichiarano di essere pronti a fare compere dal proprio telefonino nell'immediato futuro (18%), quota che sale ad un terzo degli intervistati tra i possessori di smartphone dai 18 ai 64 anni (34%).

Più di queste percentuali, però, colpiscono i dati rilasciati da PayPal, società da cui transita una bella fetta di tutti i pagamenti online. Che ci informa che lo scorso anno (2011) il volume delle transazioni da smartphone è stato di circa 4 miliardi con una previsione per il 2012 di 10 miliardi. Cifre che confermano le già rosee previsioni di tutti quegli analisti che preconizzano una crescita a percentuali bulgare del mobile commerce da qui al 2017: Forrester Research, ad esempio, stima una crescita del transato in Europa dagli attuali 2,7 miliardi di euro ai 19,2 miliardi nel 2017, anno in cui l’m-commerce rappresenterà il 6,8% di tutte le vendite online del Vecchio Continente.

Ci si aspetta di vedere l’Italia nelle posizioni di rincalzo, come già accaduto con l’ecommerce, e invece… “E invece il nostro Paese è straordinariamente posizionato”, spiega Giulio Montemagno, General Manager Western Europe di PayPal; merito della grande diffusione di smartphone, praticamente pari a quella degli Stati Uniti, e di una buona dimestichezza dei nostri connazionali col mezzo. “Tre milioni e mezzo di utenti, pari a circa il 13,8 % dei possessori di smartphone in Italia, hanno già effettuato acquisti con uno smartphone”, spiega il responsabile che ci tiene ovviamente a sottolineare il ruolo chiave delle soluzioni di pagamento sicure (e celeri) come quelle offerte da PayPal: “Il 58% degli acquirenti compra con il cellulare solo se può pagare con PayPal”.

Dove invece c’è ancora molto da lavorare è sul lato offerta: poco più del 50% dei retailer tricolori (il 55%) possiede un’app mobile e solo il 20% ha un sito web ottimizzato per la visione sul piccolo schermo.

Ma la strada è ormai segnata: nei prossimi cinque anni, sottolinea un’altra ricerca condotta da Forrester Research, il mobile commerce crescerà nel nostro Paese a un tasso del 45,8%. E se nel frattempo dovesse arrivare pure l’agognata ripresa economica potremmo vederne delle belle…

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>