Tasse

Ticket sanitari, per le esenzioni conterà il reddito

Sarà il ministero delle Finanze a stabilire le fasce di appartenenza che non potranno essere cambiate da nessun medico o farmacista

Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin – Credits: Imagoeconomica

Ticket sanitari, fasce di reddito, esenzioni, accreditamenti: è una piccola rivoluzione quella che si annuncia nei prossimi mesi nel settore sanitario. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha infatti annunciato un disegno di legge complessivo che mira fondamentalmente a razionalizzare la spesa medica del Paese, riuscendo, ove possibile, ad ottenere anche dei risparmi nell’ambito della più generale spending review del settore pubblico. In questo quadro dunque è atteso ad esempio, come accennato, un ripensamento del criterio degli accreditamenti per le cliniche private, che potrebbero essere concessi sulla base del numero dei posti letto disponibili, che dovrà essere superiore almeno ad una certa soglia.

TAGLIO DELLE SPESE, ECCO GLI OBIETTIVI

Ma la vera novità, che riguarderà più da vicino i singoli cittadini dovrebbe scattare sul fronte dei ticket sanitari. L’idea infatti è quella di eliminare le attuali categorie di esenzione, e di rapportare tutti al reddito dichiarato, anche per chi dovesse essere affetto da malattie croniche. Novità che dovrebbero vedere la luce da qui alla fine dell’anno, anche se qualche cambiamento importante, e sempre sul fronte dei ticket sanitari, potrebbe scattare già dal prossimo mese di luglio.

IMPOSTE, IL PROGRAMMA DEL GOVERNO RENZI

Ricordiamo che attualmente le categorie che hanno diritto alle esenzioni sul ticket sono le seguenti: bambini al di sotto di una certa età ed inseriti in un nucleo familiare con reddito entro una determinata soglia; gli anziani oltre i 65 anni inseriti in un nucleo familiare con reddito entro una determinata soglia; i titolari di assegni sociali; i titolari di pensioni minime oltre i 60 anni; i disoccupati iscritti nelle liste di collocamento; i portatori di patologie croniche, malattie rare, invalidi.

TASSE, TUTTE LE NOVITA' CHE CI ATTENDONO

Ebbene tutte queste categorie potrebbero essere riviste e razionalizzate alla luce del reddito dichiarato. In pratica a fare testo per la definizione delle fasce di esenzione in cui essere collocati, non sarà più un’autocertificazione, o l’intervento del medico di famiglia o del farmacista, bensì il ministero delle Finanze. Sulla base infatti delle risultanze delle ultime dichiarazioni dei redditi, ciascun cittadino verrà di diritto assegnato ad una certa categoria e non sarà più possibile effettuare cambiamenti, né tantomeno interventi da parte dei già citati medici di famiglia. Occhio dunque a verificare nei prossimi mesi se sulle proprie ricette mediche dovessero esserci cambiamenti nell’assegnazione della propria fascia di esenzione, in modo da evitare spiacevoli sorprese.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fisco più facile in cinque mosse

Domani il consiglio dei ministri dovrebbe approvare un decreto sulle semplificazioni per rendere più snelli i versamenti delle tasse. I provvedimenti in dirittura d'arrivo e quelli ancora allo studio

Tutte le tasse del 16 giugno

Imu, Tasi, Ires, Irpef per un totale di 54,5 miliardi di euro a carico di famiglie e imprese: importi, scadenze, sanzioni in una giornata da dimenticare per i contribuenti

Commenti