Economia

Vittorio Grilli è il nuovo ministro dell'Economia. Finalmente una buona notizia

Mario Monti lascia l'interim. E dà un segnale chiaro: l'emergenza è finita. E l'Italia non è la Grecia

Il premier Mario Monti con il neo-ministro dell'Economia Vittorio Grilli (Credits: PAOLO CERRONI IMAGOECONOMICA)

Vittorio Grilli è il nuovo ministro dell’Economia. Buona notizia. È il segnale che l’emergenza è finita. Anzi, meglio: il segnale che Monti vuole dare lasciando l’interim del ministero di Viale XX Settembre, è che l’emergenza è finita. Che sia finita veramente è tutto da vedere. Ma ciò che il Professore della Bocconi vuole che “passi” come messaggio subliminale è che il rischio-crack è archiviato.

La luce rossa è stata spenta. Non lo può dire apertamente, anche per non rischiare di essere smentito il giorno dopo dai mercati, ma il passaggio di consegne vuole significare proprio questo: non c’è più bisogno di me.
Un segnale di distensione, quindi, rivolto soprattutto all’esterno, ai partner europei ai quali si manda a dire che il cordone sanitario attorno all’euro e all’Italia è stato steso; che i meccanismi per farlo funzionare sono stati fissati; che le regole sono state sottoscritte (o quasi), quindi adesso c’è bisogno di qualcuno che quel cordone sanitario lo sappia far funzionare.

Ci vuole un “tecnico” ancora più “tecnico” di Monti, cioè ci vuole Grilli. Ci vuole un “normale” ministro dell’Economia e non più un presidente del Consiglio con la delega ad interim.

Al prossimo vertice dei ministri economici, Wolfgang Schauble, il responsabile delle Finanze tedesco, non vedrà più il “negoziatore” Monti, ma un suo omologo. E i mercati non percepiranno più l’Italia come un Paese dove l’emergenza è tale che occorre unificare nelle stesse mani il potere politico di un presidente del Consiglio e quello tecnico di un ministero dell’Economia.

Possono cominciare a pensare, o, almeno, questo è quello che si spera, che siamo un Paese normale. Per dire: nemmeno in Grecia, il presidente del Consiglio è anche ministro dell’Economia. E, come ha più volte detto Monti, l’Italia non è la Grecia.

© Riproduzione Riservata

Commenti