Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Economia

Start-up, dieci motivi per farci uno stage

Si lavora con coetanei. Si è ascoltati. E si impara molto. Ecco le ragioni per cui tutti gli studenti dovrebbero trascorrere un periodo in una nuova impresa

La sede di Facebook, la start-up di successo per definizione (Credits: AP Photo/Jeff Chiu)

Molti giovani fanno start up e tentano la fortuna imprenditoriale. Ma molti non hanno idea di che cosa significhi mettere su un’impresa dal nulla. Sembra ovvio in Italia, ma succede anche negli Stati Uniti dove una studentessa, Danielle Small, dopo uno stage in un’agenzia di marketing digitale, ha trascorso un periodo di lavoro in una start up che si occupa di social media. Non è stata la stessa cosa: è stato un “crash course”, scrive . Un corso accelerato su quello che significa essere imprenditore. Ha pubblicato la sua testimonianza sul sito americano venturebeat.com, completandola con un illuminante decalogo: le 10 ragioni per cui ogni studente universitario dovrebbe fare uno stage in una start up. Credo sia molto utile leggerlo anche in Italia, soprattutto in questo momento in cui si fa un gran parlare di start up.

  1. La vicinanza di età. Molti degli imprenditori sono giovani  e questo permette un tono di rapporto impensabile in altre aziende. Parlare con i boss non è un problema e magari si finisce a conversare di sport e musica.
  2. L’opportunità di entrare in un network e viaggiare. C’è la possibilità di incontrare molti protagonisti del mondo delle strat up, di ricevere stimoli e consigli. Ed è molto alta la probabilità di fare viaggi interessanti, anche se low cost.
  3. Ispirazione costante. E’ difficile non essere coinvolti quando il tuo capo ha lasciato un lavoro più remunerativo in banca e si sta giocando il futuro.
  4. Avere le mani in pasta. Entri nei progetti, ti vengono affidate compiti di responsabilità, puoi dire la tua e impari facendo le cose.
  5. Atmosfera informale Vedere il tuo boss in jeans e tshirt aiuta. Puoi lavorare da casa e impari a gestire il tuo tempo in base agli obiettivi.
  6. Ti ascoltano davvero. Le startup non hanno i modelli delle aziende tradizionali. Valutano ogni voce, anche se viene da un ragazzo di 19 anni. E questo ti fa sentire parte dell’azienda invece che un precario.
  7. Vogliono crescere con te. Una start up investe sulla tua crescita. Perché sono piccole aziende e sanno che un dipendente che non cresce con essa danneggia tutti.
  8. Niente burocrazia. In una startup tu non devi rispondere a 10 diverse persone. E nessuno si preoccupa della gerarchia. Per questo il mio capo ha lasciato la banca.  In una start up siamo tutti uguali.
  9. Cibo gratis. Non succede in tutte le start up,  ma quando succede è uno straordinario benefit. Non solo dal punto di vista economico
  10. Ti dà capacità imprenditoriali. Vedere i capi navigare nelle acque agitate di un’impresa giovane è molto formativo. E le responsabilità assegnate permettono di scoprire capacità e forze sconosciute.Alla fine uscirete con molte idee di start up in testa. E magari, cosa che non avete mai fatto prima, penserete di voler e poter fare l’imprenditore.
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Start up, Passera e il rapporto Treviso

Il ministro dello Sviluppo economico presenta il rapporto della sua task force. Che rischia di restare un libro dei sogni se non ci saranno presto provvedimenti a favore delle nuove imprese

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>