Economia

Jet privati, è boom. E la brasiliana Embraer dà i numeri

Per i prossimi venti anni l'azienda si aspetta ordini record: un jet al giorno, per un totale di 7 mila unità

Il Quartier generale di Embraer di São José dos Campos (Credits: Leandro's World Tour by Flickr)

Una crescita annua del 5 per cento del settore aereo globale per i prossimi vent’anni, con una quota che toccherà i 7.375 jet privati entro il 2031, rispetto ai 4.150 dell’anno scorso. Nonostante la crisi di cui tutti parlano (e scrivono) sono queste le previsioni del colosso brasiliano della costruzione aeronautica Embraer nel settore dei velivoli del segmento compreso tra i 30 ed i 120 posti.

Un business in grande espansione sul mercato mondiale, con un giro d’affari di oltre 315 miliardi di dollari per i vent’anni a venire presi in considerazione. La sostituzione degli aeroplani più vecchi rappresenterà il 53% delle nuove consegne, mentre il 47% deriverà dall’incremento del trasporto aereo, soprattutto quello commerciale.

Le aree geografiche dove la crescita sarà più rilevante, sempre secondo le previsioni dell’Embraer, saranno l’Asia, in particolare la Cina ma anche l’India e, a seguire, il Medio Oriente e l’America Latina. Tutto merito del boom economico dei paesi emergenti, a cominciare dai paesi Bric, e di un mercato sempre più competitivo.

Intanto, a dimostrazione che non si tratta solo di cifre e previsioni sulla carta, all’Esposizione internazionale di Farnborough, in Gran Bretagna, una delle più prestigiose fiere aeronautiche del mondo, l’Embraer ha presentato il suo Legacy 500, ovvero il jet privato del futuro, con tanto di avveniristica tecnologia “fly by wire” a disposizione dei piloti, un sistema di controllo elettronico che gestisce le parti mobili dell’aereo.

Anche la nostra Alitalia ha da poco fatto shopping presso Embraer, con l’acquisto di quattro nuovi E 175 che hanno così fatto arrivare la flotta nazionale a quota 153 aeromobili.

© Riproduzione Riservata

Commenti