Economia

Via libera alla legge di Stabilità: ecco le principali novità

Il Senato approva l'emendamento omnibus che vale complessivamente 32 miliardi di euro

I contenuti di questo post sono stati prodotti in autonomia dall’autore che appare nella sezione autore prima dell'inizio del testo, i contenuti di questo post possono essere associati a un brand promozionale tramite la dicitura “sponsorizzato da” oppure “offerto da” con il logo dello sponsor ben visibile.

I ministri dell'Economia Vittorio Grilli e del Lavoro Elsa Fornero mentre ascoltano i relatori della commissione bilancio in Senato durante l'esame della Legge di Stabilità (ANSA/GIUSEPPE LAMI)

UPDATE: la legge di Stabilità è stata approvata dal Parlamento dopo l'ultimo via libera alla Camera, che ha votato la fiducia al governo con 372 sì, il 21 dicembre 2012. I sì nel voto finale sul provvedimento sono stati 309, 67 no e 15 gli astenuti. Dopo la firma del presidente Napolitano il testo sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale e allora sarà legge a tutti gli effetti. L'impatto finanziario dopo il passaggio a Palazzo Madama e il terzo passaggio a Montecitorio è raddoppiato da 15 a 32,4 miliardi.

Oltre due miliardi per la Tav Torino-Lione in 15 anni, solo cento milioni in più per le università e 85 milioni in meno per i malati di Sla e per le non autosufficienza che ne avevano chiesti almeno 200 milioni in più.

Il lungo iter della legge di Stabilità (qui il testo integrale) in commissione Bilancio di Palazzo Madama si è rivelato un vero e proprio assalto alla diligenza. Così il testo omnibus rilasciato in aula ieri sera e approvato con 199 sì questa mattina (il governo aveva posto la fiducia) prevede le norme più disparate.

LEGGI TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SULLA LEGGE DI STABILITA'

Si va dalla manutenzione della basilica di San Francesco d'Assisi all'abolizione della norma che obbligava a utilizzare i pneumatici da neve fino al milione di euro per il bicentenario verdiano (mentre è stato cancellato all'ultimo l'emendamento che permetteva l'apertura di mille sale da poker). Vi proponiamo, quindi, una selezione con le principali 10 novità.

AUMENTANO LE TASSE REGIONALI
L'anno prossimo le regioni potranno aumentare le tasse. Slitta infatti al 2014 il vincolo per questi enti di non alzare le addizionali Irpef se nel contempo avranno ridotto l'Irap. Congelato per un anno il riordino delle province. Rinvio di sei mesi per l'approvazione dei bilanci dei comuni, che incasseranno nel 2013 - 2014 il gettito dell'imposta municipale (IMU) pari a 7,6 miliardi di euro. Salgono a 1,4 miliardi le risorse per gli enti locali (comuni e province). Un miliardo  arriverà da un allentamento del patto di stabilità interno, 400 milioni da minori tagli per i comuni.

PIU' FONDI PER LA TAV, TAGLI ALL'UNIVERSITA'
Un nuovo stanziamento di 2,25 miliardi in 15 anni per la Tav Torino-Lione. La proposta di modifica aumenta gli stanziamenti di 150 milioni all'anno dal 2015 al 2029. Previsti solo 100 milioni per le università.

PIU' FONDI PER LA SICUREZZA
Aumentano i fondi  per le assunzioni di personale del comparto sicurezza. I fondi salgano  da 10 milioni all'anno a 70 milioni per il 2013 e a 120 milioni di euro  dal 2014. Salvi i precari della pubblica amministrazione con contratto in scadenza, che resteranno così al lavoro fino al prossimo 31 luglio

MENO FONDI PER LA SLA
Stanziati 115 milioni aggiuntivi per i malati di Sla e per le non autosufficienze, anche se le associazioni avevano chiesti almeno 200 milioni in più. Il comitato paraolimpico avrà a disposizione un finanziamento di 6 milioni di euro, nel 2013, per il finanziamento delle attività istituzionali.

PER LE OPERE PUBBLICHE OLTRE 200 MILIONI
Stanziati 110 milioni per la realizzazione di nuove autostrade, di cui 80 milioni per la Pedemontana piemontese (2015) e 30 milioni di euro per garantire il miglioramento della viabilità e dei trasporti della statale Tirreno - Adriatica. I micro - interventi per opere pubbliche e ricerca ammontano in totale a 220 milioni di euro.

MAXI FINANZIAMENTO PER FINMECCANICA
Rifinanziamento per 8,43 miliardi in 16 anni (fino al 2029) della legge 808 in materia di interventi per lo sviluppo e l'accrescimento di competitività delle industrie operanti nel settore aeronautico. La prima tranche consistente nel 2016.

EDITORIA: STOP AGLI INCROCI TV - QUOTIDIANI
Proroga di un anno per lo stop all'incrocio azionario tra società editrici di quotidiani e periodici e televisione. Le risorse per l'editoria, invece, aumentano di 45 milioni nel 2013, mentre per le tv locali e le radio arrivano 15 milioni.

SANITA': PIU' SOLDI AI POLICLINICI PRIVATI
Arrivano 52,5 milioni per i policlinici privati, gestiti direttamente da università non statali. In dettaglio: 12,5 milioni per il Bambin Gesù di Roma e 5 milioni alla Fondazione Gaslini. Nel 2013 ci saranno 500.000 euro a favore della Lega italiana per la lotta contro i tumori (Lilt)e  500.000 euro vanno alla Fondazione italiana onlus per sostenere l'attività di ricerca sul genoma del pancreas.

FONDI PER L'ABRUZZO
Venti milioni di euro, nel biennio 2013-2014, per "fronteggiare il grave dissesto idrogeologico" nell'Abruzzo. Previsto un finanziamento di cinque milioni di euro in favore del Corpo forestale dello Stato "per le spese di funzionamento della flotta aerea pesante destinata alla lotta agli incendi boschivi" nel 2013.

ARRIVA LA TOBIN TAX
La tassa sulle transazioni finanziarie scatterà da marzo con un'aliquota per i mercati regolamentati dello 0,12% (ma 0,1% dal 2014) e per quelli non regolamentati, su cui sarà applicata da luglio, dello 0,22% (0,2% dal 2014). Per i derivati invece l'imposta è fissa e sarà al massimo di 200 euro. Colpito anche il trading più speculativo, con un'aliquota dello 0,02% sulle negoziazioni ad alta frequenza.

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>