Lavoro

Quanto guadagnano manager e lavoratori italiani

Un dipendente deve lavorare 31 anni per intascare la stessa cifra che si porta a casa in un anno un a.d.

Il Presidente della Fiat, John Elkann – Credits: Gian MArco Tacca/Getty Images

Si accorcia, seppur di poco, la forbice tra gli stipendi dei top manager e dei dipendenti. Come di consueto l'Annuario R&S realizzato dall'ufficio studi di Mediobanca accende i riflettori sulle retribuzioni nelle grandi aziende italiane quotate in Borsa.

I dati dell'ultima edizione - la prima risale al 1976 - sono relativi al 2015, ma la conclusione è la stessa dello studio sull'anno precedente (2014) pubblicata l'estate dello scorso anno: il numero uno delle prime 50 imprese quotate guadagna ogni anno quanto 30 - 40 suoi dipendenti messi assieme. 

Detto altrimenti, al dipendente medio italiano serve quasi una vita di lavoro per uguagliare la retribuzione annua dei vertici dell'azienda.

Stipendi: le differenze tra ceo e lavoratori sono sempre più ampie


Se l'a.d. accumula cariche
Nel 2015 gli occorrevano 31 anni per guadagnare quanto il suo amministratore delegato percepiva in un anno: 1,56 milioni di euro (compenso mediano). Un anno prima doveva faticare, invece, cinque anni in più: 36 anni.

Ma se alla carica di a.d. nel 2015 si somma quella di direttore generale, il top manager dell'indagine di Mediobanca arriva a percepire 2,38 milioni pari a 43 volte lo stipendio del suo dipendente.

E anche nel 2015 la media degli stipendi degli a.d. delle principali 50 imprese italiane (5,58 milioni di euro) è spinta in alto da pochi stipendi eccezionali, che in genere sono gonfiati da bonus e stock option.

Le 10 aziende che pagano di più negli USA


Aumentano le donne in cda
Nei cda italiani aumentano le quote rosa (dal 26% del 2014 al 30% del 2015, anche se solo il 12% delle posizioni apicali è ricoperto da donne), mentre è rimasta invariata l'età media: 58 anni. In particolare, Acea ha il cda più giovane (50 anni), Ferragamo il più longevo (oltre 66 anni) e Edison quello più rosa (56%).

Non mancano le curiosità: ad abbassare l'età media dei membri dei board sotto la soglia di 60 anni sono soprattutti "i figli di": Michele Colaninno (39 anni), John Elkann (40 anni), Alessandro Nasi (42 anni), Azzurra Caltagirone (43 anni) e Matteo Colaninno (45 anni).

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti