Lavoro

Precari, instabili o part-time: quattro milioni di italiani tirano la cinghia

Secondo uno studio dell'Ires-Cgil, il 18% dei lavoratori vive nel disagio

(Credits: Ansa)

Sono più di 4 milioni in tutto, tra assunti a tempo determinato, collaboratori con un contratto flessibile e dipendenti part-time. E hanno qualcosa che li accomuna: non riescono a trovare (pur desiderandola) un'occupazione stabile, a tempo pieno e indeterminato.Sono i lavoratori italiani che vivono in una situazione di disagio, secondo uno studio appena pubblicato dall'Ires , istituto di ricerche che fa capo alla Cgil.

I DATI SULLA DISOCCUPAZIONE IN ITALIA

Dunque, se è vero i disoccupati nel nostro paese sono più di 2,7 milioni (il 10,8% della popolazione attiva), non va dimenticato che, spesso, anche chi ha un lavoro non se la passa molto meglio. Oltre ai disoccupati, secondo l'Ires-Cgil, esiste infatti nel nostro paese una vasta area di persone in difficoltà, a causa delle condizioni precarie in cui lavorano.

LA DISOCCUPAZIONE TRA GLI OVER40

L'ampia classe dei disagiati, a detta dell'istituto di ricerca della Cgil, si compone sostanzialmente di 3 categorie. La prima è rappresentata  dai lavoratori assunti con un contratto a termine che vorrebbero trovare un inquadramento stabile ma che non ci riescono (in totale si tratta di oltre 2,2 milioni di persone). A questi, vanno aggiunti quasi 360mila collaboratori che operano con un assunzione flessibile e che aspirano invano ad avere un contratto a tempo indeterminato. Infine, c'è una categoria spesso dimenticata dai media e dall'opinione pubblica: quasi un milione e mezzo di dipendenti part-time involontari (di cui oltre il 70% sono donne) che vorrebbero lavorare a tempo pieno ma non trovano nessuna opportunità o nessuna offerta di questo tipo. Totale: 4,08 milioni di persone costrette a tirare la cinghia per arrivare a fine mese.

IL CALVARIO DEI DISOCCUPATI ITALIANI

Va ricordato che in Italia l'area del disagio sociale è sempre stata molto ampia ma, dal 2008 in poi, cioè da quando è arrivata la crisi economica, si è letteralmente ingigantita con una crescita di ben 718mila unità (corrispondente a un incremento del 21,8%). Se a questa fascia di popolazione si aggiungono gli oltre 2,7 milioni di disoccupati, si può dire che quasi un italiano su dieci oggi se la passa abbastanza male

LA LOTTA ALLA DISOCCUPAZIONE IN EUROPA

TUTTO SULL'ULTIMA RIFORMA DEL LAVORO

© Riproduzione Riservata

Commenti