Economia

Lavoro, i criteri per scegliere l’azienda perfetta

Quando qualche anno fa ho cominciato ad affacciarmi sul mondo del lavoro non avevo ben chiaro dove sarei andato a parare; tantomeno avevo in mente criteri di scelta per cui avrei potuto optare o meno per un’azienda piuttosto che un’altra, …Leggi tutto

Quando qualche anno fa ho cominciato ad affacciarmi sul mondo del lavoro non avevo ben chiaro dove sarei andato a parare; tantomeno avevo in mente criteri di scelta per cui avrei potuto optare o meno per un’azienda piuttosto che un’altra, a parte qualche indicazione di massima. Col tempo ho messo poi a fuoco meglio gli elementi che mi facevano vivere meglio o peggio all’interno di una realtà aziendale.

Qualche giorno fa durante la terza edizione del Randstad Award, il premio dedicato alle aziende più attrattive verso i potenziali dipendenti, – per la cronaca al primo posto si è posizionata Librerie Feltrinelli, catena di librerie italiana, al secondo posto Ferrero, industria dolciaria piemontese e al terzo posto HP, azienda dell’Information Technology - è stata presentata una ricerca che aveva l’obiettivo di indagare i principali criteri in base a cui gli italiani orientano le proprie scelte quando valutano l’azienda per cui lavorare, ma anche quanto e per quali fattori le aziende sono capaci di attirare l’attenzione di chi cerca lavoro o vuole cambiarlo.

L’indagine sull’employer branding è stata realizzata dall’istituto belga ICMA in 18 Paesi; in Italia sono stati intervistati 7.000 “potenziali futuri dipendenti” (studenti, occupati e disoccupati) di età compresa tra 18 e 65 anni, a cui è stata chiesta l’attrattività, cioè l’interesse a considerarle come potenziali datori di lavoro, su un campione di 150 tra le più grandi aziende attive in 13 settori diversi.

Quali sono i principali criteri che vengono analizzati dai futuri dipendenti? Tra i cinque fattori nella scelta dell’azienda in cui andare a lavorare troviamo:

- sicurezza del posto di lavoro

- atmosfera di lavoro piacevole

- buone condizioni economiche dell’azienda

- equilibrio di vita professionale e privata

- stipendio competitivo e benefit

Dall’indagine emerge come siano i Media uno dei settori maggiormente in voga dal punta di vista del “fascino”. Giornali, tv e radio si piazzano in cima alla lista dei migliori datori di lavoro nella percezione degli italiani – contenuto di lavoro interessante, un’atmosfera di lavoro piacevole, una formazione di qualità -. Al secondo posto si posiziona il settore del Fashion & Luxury, che vede come elementi di interesse buoni stipendi e benefit ai dipendenti. Al terzo posto l’Elettronica.

© Riproduzione Riservata

Commenti