Economia

Expo, Veneto: il bello dell'identità

La partecipazione della regione si articola dentro e fuori l'area espositiva. Ecco tutto quello che c'è da sapere

expo-veneto-3

– Credits: Ufficio stampa

La partecipazione del Veneto all’Expo si articola dentro e fuori l’area espositiva di Milano.
A Padiglione Italia, la regione racconta l’eccellenza gastronomica, la bellezza del paesaggio e la propria biodiversità, puntando sulla vite. A Venezia il Padiglione Aquae 2015, a Piazzola sul Brenta le ville venete e il road-show itinerante Mondo Novo. E molto altro

Per Regione Veneto l’Expo 2015 è la grande vetrinadel «saper fare» in agricoltura, sulla scorta di un patrimonio di competenze, cultura e sensibilità millenario. Una vetrina aperta a milioni di visitatori, provenienti da tutto il mondo, comuni cittadini e istituzioni.

Il Veneto ha declinato la propria partecipazione lungo due distinti ma integrati filoni: gli eventi e le installazioni a Milano, dentro e fuori il quartiere fieristico; e gli eventi in Veneto.

Padiglione Italia e Milano. All’Expo, il cuore del Padiglione Italia è la mostra «L’Italia delle regioni», una vera mostra delle identità italiane, che spiega come l’Italia non sia solo museo ma anche vivaio di qualità, grazie a tre «potenze»: il saper fare di artigiani e imprenditori; la bellezza di arte e paesaggi; la potenza del limite, ovvero la capacità di dare il meglio di sé anche in mancanza di risorse o in condizioni difficili.

Per il Veneto, la «potenza del fare» è esemplificata da Lorenzo Cogo, classe 1986, lo chef stellato più giovane d’Italia. La potenza della bellezza, da una strabiliante galleria di video e di immagini sulle meraviglie del Veneto, da Venezia a Villa Contarini di Piazzola sul Brenta. La potenza del limite, da un progetto di ricerca della ricercatrice padovana Elisabetta Collini che studia l’applicazione della fisica quantistica all’energia solare.

Infine, il Giardino delle biodiversità, dove ogni Regione ha scelto di farsi rappresentare da una pianta tipica e il Veneto, in particolare, dalla vite comune, rappresentata da ben 25 varietà tipiche.

L’Expo in Veneto. Villa Contarini di Piazzola sul Brenta è stata scelta come cornice dell’Esposizione sulla Civiltà delle Ville Venete. Alle porte di Venezia, si può visitare l’esposizione Aquae Venezia 2015, collaterale ufficiale alla Grande Esposizione di Milano, che racconta in modo esperienziale e interattivo il ruolo dell’«oro blu» per la vita, l’industria e l’alimentazione, e il futuro del Pianeta.

Nel nuovo spazio espositivo, che rappresenta un progetto di riqualificazione del waterfront lagunare, la Regione del Veneto racconta le proprie eccellenze in uno stand dedicato: dalle Dolomiti, patrimonio mondiale Unesco, ai fiumi lungo i quali i Veneti hanno costruito città famose in tutto il mondo, dal lago di Garda alle spiagge e al territorio lagunare, il Veneto si presenta come un immenso sistema vascolare di acque.

Completano l’offerta veneta per Expo: Destinazione Veneto, un calendario di workshop per le imprese venete che esportano, curato da Veneto Promozione; il progetto Exponiamo il Veneto; gli incontri B2B ed istituzionali con le delegazioni cinesi provenienti da aree strategiche della Cina, per presentare e valorizzare i punti di forza del Veneto ai rappresentanti del più grande e dinamico mercato mondiale.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Expo e Veneto, un futuro verde

Una delle regioni italiane a maggior vocazione agro-industriale si presenta al mondo esaltando "il sapore antico dell’innovazione" che sa esprimere in questo settore di sicura crescita

Commenti