Antimafia approvazione
Economia

Ddl Concorrenza 2017, tutte le misure

Cosa cambia per la telefonia, le polizze auto, i notai e gli avvocati dopo il varo del decreto di liberalizzazione

Finalmente, dopo un iter parlamentare-fiume durato ben due anni e mezzo, il Disegno di legge (Ddl) sulla concorrenza è stato approvato definitivamente. Doveva essere un pacchetto di misure da varare in tempi da record, seguito poi da altri provvedimenti simili da mettere in cantiere ogni anno, sulla base dei suggerimenti dell’Antistrust. E invece, il Ddl Concorrenza ha incontrato molti più ostacoli del previsto e oggi viene approvato con numerose modifiche. Ecco, di seguito, una panoramica sui contenuti del testo definitivo.

Polizze Rc Auto, sconti per la scatola nera

Le compagnie assicurative saranno obbligate ad applicare sconti sulle tariffe agli automobilisti che installano a bordo del veicolo la scatola nera, cioè il dispositivo che permette di ricostruire gli incidenti stradali e monitorare il comportamento del conducente alla guida. Sconti previsti anche per gli automobilisti in classe di rischio bassa che risiedono però in zone del paese dove le tariffe sono alte. Le imprese assicurative che non fanno sconti vengono punite con sanzioni tra 5mila e 40mila euro.

Polizze danni, il tacito rinnovo

Per le polizze del ramo danni, comprese quelle automobilistiche, viene reintrodotto il meccanismo del tacito rinnovo, cioè la nuova emissione e l’addebito automatico della polizza in scadenza, a chi non dà per tempo un’apposita disdetta alla compagnia.

Energia

Il 1 ° gennaio 2019 (e non più nel 2018 come previsto inizialmente) scomparirà il servizio di maggior tutela, cioè basato su tariffe standard stabilite dall’authority per l’energia per chi non ha mai cambiato la compagnia della luce o del gas. Si enterà dunque in un regime di piena concorrenza.

Uber

Rinviata una decisione sui servizi di trasporto e noleggio con conducente come quello di Uber. Entro un anno dall'entrata in vigore del Ddl Concorrenza, infatti, il governo varerà un decreto legislativo per la revisione della disciplina di questa materia.

Poste

Da quest’anno, finisce l’esclusiva delle Poste nella consegna di multe e notifiche. Gli enti che inviano tali documenti potranno rivolgersi ad atri operatori. Lo scopo è far diminuire i costi di recapito. Secondo Fise Are (Associazione Imprese Servizi di Recapito Postale e Parcel), il monopolio di Poste Italiane ha determinato un costo medio per la notifica tramite raccomandata di 12 euro, contro una media di mercato di 6 euro.

Banche

Gli istituti di credito e finanziari che offrono servizi di assistenza a distanza con i call center (per esempio quelli per il blocco e la gestione delle carte di credito) dovranno applicare delle tariffe telefoniche non superiori a quelle urbane.

Telefonia e pay-tv

Per gli abbonamenti al telefono, a internet o alla pay-tv, i contratti non potranno mai durare più di 24 mesi e la disdetta sarà molto semplice. Per cambiare operatore si potrà usare infatti una procedura telematica semplificata, cioè via telefono o su internet, ma solo se anche l’abbonamento è stato inizialmente sottoscritto con la stessa modalità.

Avvocati

L’esercizio della professione di avvocato sarà aperto alle società di persone, società di capitali e alle società cooperative iscritte in un’apposta sezione speciale dell’Albo professionale del territorio in cui hanno sede.

Notai

Viene esteso il numero di notai presenti sul territorio nazionale. Da uno ogni 7mila abitanti di oggi si passerà a uno ogni 5mila persone.

Farmacie

La gestione delle farmacie viene aperta alle società di capitali (per esempio alle spa o srl) ma ci saranno dei limiti. Questi soggetti non potranno infatti superare una quota di mercato del 20% a livello regionale.

Hotel

Scompare il principio del parity rate. Gli alberghi potranno cioè offrire sconti ulteriori ai clienti rispetto alle tariffe pagate da chi ha prenotato con gli intermediari come per esempio i siti internet Booking o Expedia.

Telemarketing

Norme più flessibili per chi fa attività di telemarketing con pubblicità a distanza. Sono state abolite le norme che obbligavano gli operatori dei call center a dichiarare l'identità del soggetto per il quale avviene la chiamata, la specificare la natura commerciale della telefonata e a proseguire la conversazione soltanto in presenza di assenso del destinatario.

Pagamenti digitali

Per l‘ingresso ai musei o agli eventi culturali, i pagamenti potranno essere effettuati anche tramite dispositivi telefonici come gli smartphone, i cellulari di nuova generazione.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti