Banche e credito alle pmi: 3 miti da sfatare

In Italia le piccole imprese sono il 95% del totale e assorbono l'80% della forza lavoro. Ma ricevono solo il 18,7% del totale del credito bancario

pmi

– Credits: iStock

Il rapporto OCSE "Financing SMES And Enterprenours 2015" riporta dati sui prestiti alle piccole e medie imprese. L'Italia è all'ultimo posto in Europa e tra gli ultimi al mondo per credito erogato alle PMI. Dai dati emerge che l'80% e oltre del credito va in Italia alle grandi.
Per le piccole imprese che in Italia sono la quasi totalità (95%), pari all'80% della forza lavoro, quanto credito arriva? Il 18,7 % del totale.
Quindi in Italia il credito bancario non va alle piccole ma alle grandi imprese.

E la situazione è ancora più complessa per le micro imprese (fino a 10 addetti).

Pensateci, quando vi raccontano della ripresa economica e della fine della restrizione creditizia. Non è vero che il mercato del credito si sta espandendo perchè è vero esattamente l'opposto.

Come non è vero che arrivano soldi alla PMI, perchè l'Italia, che è il Paese con il maggior numero di PMI in Europa, è quello che ha il valore più basso di credito erogato a queste imprese.

E infine non è vero che le cose miglioreranno, perchè al contrario peggioreranno per via delle più restrittive norme del mercato e delle concentrazioni bancarie.

Per chi ha piacere di capire cosa fare per ottenere credito dalle banche in uno scenario che sarà domani ancora più difficile, vi aspetto a Padova, nell’ambito del tour di Panorama d’Italia. Parleremo non solo dei problemi dell’accesso al credito in Italia ma, soprattutto, delle sue concrete soluzioni per imprenditori e professionisti.

Per un veloce approfondimento sull’articolo, leggere qui


© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>