Aziende

Yahoo! cambia nome e business

Con l'acquisizione da parte di Verizon si chiamerà Altaba e diventerà una investment company. Via l'ad Marissa Mayer

Yahoo

Il quartier generale di Yahoo! - 8 maggio 2017 – Credits: EPA PHOTO/ ANSA/JOHN G. MABANGLO

Yahoo! non si chiamerà più Yahoo! e Marissa Mayer, l'amministratore delegato che doveva risanare e rivoluzionare l'azienda dovrà cercarsi un altro posto di lavoro. Lascerà l'incarico una volta completata la cessione a Verizon communications.

- LEGGI ANCHE: Mayer, come voleva rilanciare l'azienda
- LEGGI ANCHE: Cosa prevede l'acuisizione di Yahoo da parte di Verizon
- LEGGI ANCHE: Yahoo! e gli hacker, ultimo capitolo di una crisi

Il gigante tecnologico cambierà il suo nome in Altaba ma soprattutto cambierà strategia e natura di business: diventerà un'investment company

Nel luglio scorso Yahoo ha concordato la cessione per 4,8 miliardi di dollari delle sue attività internet (siti, business punnlicitario, posta elettronica e app) al gigante delle tlc Verizon. L'operazione non si è ancora conclusa a causa dei ripetuti attacchi hacker alla rete di Yahoo che hanno causato la violazione di oltre 1,5 miliardi di account. Verizon però non ha rinunciato al programmato acquisto, anche se intende vederci chiaro sui buchi nella rete di sicurezza di Yahoo e sta ricontrattando il prezzo di acquisto.

Celbrato il matrimonio, Yahoo scomparirà e verrà ribattezzata Altaba, una società di investimento dentro la quale rimarranno le azioni di Yahoo, la partecipazione del 15% nel colosso cinese dell'e-commerce Alibaba e quella del 35% in Yahoo Japon. Una volta scattata la fusione, il board di Yahoo passerà da 11 a 5 membri e, con Mayer, se ne andrà anche uno dei cofondatori della società, David Filo. Il presidente di Altaba sarà Eric Brandt, ex direttore finanziario di Booadcom. Mayer ha lasciato intendere la sua intenzione di seguire le attività di internet di Yahoo e dunque di lavorare dentro Verizon. Le 6 dimissioni dei membri del board, si legge in comunicato, "avranno effetto subito dopo la fusione e non sono legate ad alcun disaccordo con l'impresa".



© Riproduzione Riservata

Commenti