Aziende

Peppa Pig, ecco quanto vale

Grazie al successo globale del cartone animato britannico la casa di distribuzione canadese eOne aumenta del 22% il fatturato della divisione Television

ANSA PHOTO

Ci sono voluti solo 10 anni a Peppa Pig per conquistare il mondo.

Alla prima serie di 52 episodi, da cinque minuti ciascuno, andati in onda per la prima volta nel 2004 su Channel 5 nel Regno Unito, se ne sono aggiunte in due lustri altre tre (un'altra è in arrivo) visto che nel frattempo la domanda non è mai scesa: il cartone, che narra le vicende dell'ormai nota famiglia della maialina antropomorfa, vanta una presenza in 300 canali televisivi in tutto il mondo.

Per la gioia dei suoi creatori, il trio britannico di cartonisti Davies, Baker e Astley, ma soprattutto della società che distribuisce la serie, la canadese Entertainment One (eOne), che, proprio grazie a Peppa, ha chiuso l'anno finanziario, il 31 marzo, con un utile di oltre 77 milioni di sterline britanniche (+45% in un anno), distribuendo così, come ricorda il Financial Times , il suo primo dividendo dalla quotazione a Londra, avvenuta nel 2007.

Un risultato conseguito grazie alle sinergie con Alliance Film, società canadese acquisita nel gennaio 2013, ma anche dall'ottima performance della divisione Television, che ha registrato in 12 mesi ricavi per 162 milioni di sterline (+22%), trainata appunto dal successo internazionale di Peppa da cui provengono la maggior parte delle entrate del segmento Family, che ora pesa per un quarto sul fatturato totale del segmento fiction tv e cartoni animati.

I manager di eOne, del resto, non sono stati con le mani in tasca. Consapevoli di aver tra le mani una "maialina d'oro", in 12 mesi hanno stretto altri accordi di distribuzione in Russia, America Latina e Asia, e quest'anno sono pronti a vendere altri 70 nuovi episodi.

Ma per capire la potenza commerciale del marchio Peppa Pig, basta leggere la nota al bilancio dell'ultimo anno finanziario, pubblicato martedì 20 maggio .

Peppa Pig, si legge, è il più gettonato tra i giocattoli in età prescolare nel Regno Unito, dove è stata premiata per il quarto anno consecutivo all'Annual Licensing Award, ed è il brand numero uno del settore in Spagna, in Australia e in Italia, dove la presenza è cresciuta grazie al supporto delle partnership con i canali Rai Yoyo e Disney Jr.

A marzo, inoltre, la maialina inglese ha invaso le case dei cugini americani, dove è trasmessa per ben tre ore al giorno nel canale Nick Jr., mentre il primo dvd di Peppa Pig lanciato Oltreoceano sta andando a ruba tra gli scaffali delle grandi catene quali Wal - Mart, Target e Toys'r'Us.

Amazon.com da gennaio distribuisce i giocatttoli a marchio Peppa, che saranno venduti online negli USA anche nel sito di Wal Mart (walmart.com) a partire dal terzo trimestre di quest'anno.

Ma non è finita. Il piano di eOne, inoltre, prevede l'ulteriore espansione del marchio Peppa nei prossimi due anni in America Latina, Cina, Sud Est asiatico, Francia e Germania: il salto nelle pozzanghere è destinato a diventare lo sport più gettonato tra i bimbi di tutto il mondo.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti