Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Aziende

La protezione dell'investimento nel tempo

Un'applicazione Erp ha un ciclo di vita lungo, mentre le tecnologie che la costituiscono hanno un’obsolescenza più rapida. La soluzione di ACG Vision4

Credits: IBM, Agc

Informazione Pubblicitaria


L'ottica con la quale Ibm ha progettato ACG Vision4 è stata quella di pianificare, a beneficio del cliente, la protezione nel tempo del suo investimento. Tutti i produttori di sistemi gestionali Erp hanno da sempre il problema che di solito un'applicazione di questo genere ha un ciclo di vita lungo, ventennale, mentre le principali tecnologie che la costituiscono hanno un’obsolescenza più rapida. La reazione a questa asimmetria è stata, di solito, quella di isolarsi dalla tecnologia: i produttori hanno cioè, in molti casi,  deciso di scrivere una tecnologia proprietaria che li proteggesse da questo rischio.

“Noi abbiamo cambiato questo approccio”, spiega Renato Ottina, “e cioè abbiamo scelto di costruire ACG Vision4 impiegando tecnologie che rappresentano oggi uno standard di mercato affermato e per questo garanzia di longevità. Quindi abbiamo adottato il linguaggio Java come tecnologia di base, il linguaggio più conosciuto e diffuso; una tecnologia standard anche per il futuro, sulla quale tutti stanno sviluppando così tante applicazioni che anche fra trent'anni, verosimilmente, sarà il linguaggio più usato in quest'ambiente”. Ecco perchè, l'utilizzo di una tecnologia di base molto diffusa e standardizzata rappresenta una protezione nel tempo dell'investimento fatto dal cliente. Inoltre, un'applicazione in Java, per quanto complessa possa essere, “gira” su tutte le piattaforme, quindi se un'azienda che utilizza ACG Vision4 decidesse di cambiare infrastruttura, gli utenti si troverebbero da un giorno all’altro ad operare sulla nuova infrastruttura scelta dall’azienda, senza notare alcun cambiamento del proprio modo di utilizzare l’applicazione. “Le scelte durevoli in questo campo devono essere oggi oculatissime, per un'azienda utilizzatrice”, osserva Ottina. “Ricordo che nel 2000 una nota società di analisi di mercato in campo informatico pronosticò che nel prossimo decennio sarebbero rimasti attivi sul mercato quattro produttori di sistemi Erp. Ebbene, tre di quei quattro non ci sono più, e ne sono nati altri, giovani. Per questo io dico che quando si fanno scelte così impegnative, si deve guardare all'affidabilità ed alla “presenza” del fornitore nel tempo. Ibm ha compiuto 100 anni, ed è da sempre sinonimo di affidabilità. Inoltre, ha investito quattro anni nello sviluppo per realizzare ACG Vision4 ed ha la ferma intenzione di accompagnarne e sostenerne tutto il ciclo di vita!”.

Infine, la scelta di un'applicazione che non costringe risorse a specializzarsi in nuovi linguaggi di programmazione, consente sia di limitare drasticamente i tempi di apprendimento o di selezione delle risorse,  sia di “riutilizzare” nel tempo i costi della formazione del personale dedicato.

Partecipa al convegno "Flessibilità e controllo per battere la crisi"

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>