Arte, Roy Lichtenstein all'Art Institute di Chicago

La più grande retrospettiva mai realizzata per celebrare uno dei padri fondatori della Pop art

Roy Lichtenstein

Roy Lichtenstein, uno dei padri della Pop-art, in posa di fronte una delle sue tele. – Credits: ANSA/TO

Quando nel mondo dell’arte si tocca l'argomento retrospettiva, il rischio è di ricadere nel già visto.

Se poi il nome in cartellone è Roy Lichtenstein , il livello si alza oltre la norma.

L’Art Institute di Chicago ci prova, allestendo Roy Lichtenstein: A retrospective. Più di 160 opere suddivise in tele, disegni preparatori e sculture.

Il talento dell’artista e co-fondatore della Pop art viene sempre associato ad un mondo popolato da personaggi dei fumetti, retini colorati e tinte sature, ma le radici che hanno permesso questa evoluzione si fondano sullo studio di maestri come Klee, Mirò e Picasso.

Una profonda riflessione sul cambiamento radicale di una società che nel decennio ’60-’70 ha definito un nuovo modo di osservare il mondo, cambiandolo ed evolvendosi con esso. Calendari passati, ma non ancora del tutto dimenticati.

Il mio consiglio - se per ovvi motivi non riusciste a essere presenti alla mostra -  è di fare un salto sul sito ufficiale della mostra dove sarà possibile interagire con le opere, approfondire la conoscenza con Mr.Lichtenstein e farsi intrattenere dal blog a tema.

Roy-Lichtenstein-Ooooh-Alright_emb8.jpg
© Riproduzione Riservata

Commenti