Cultura

I Rolling Stones imperatori del Rock. Circo Massimo, 22 giugno 2014

Hanno appena celebrato il mezzo secolo dall'uscita del loro primo album. Ma per gli Stones il tempo sembra non passare mai. Le immagini dell'attesa dei fan, della band e del concerto del 22 giugno a Roma - La recensione del concerto

 

Circo Massimo, Roma. Mancano pochi minuti alle 22.

Quando Keith Richards attacca il secco fraseggio di "Jumpin' Jack Flash", le note della sua chitarra colpiscono l'anima di oltre 70.000 spettatori, dando il via ad un rock show unico e imperdibile. Poi Mick e compagni stregano per due ore la folla che fin dalle prime ore del mattino si era data appuntamento per omaggiare i templari del rock, sfidando caldo e sole. La scaletta è la più classica dei classici immortali degli Stones, da Honky Tonk Woman a Sympathy For the Devil passando per You Can't (always) Get What you Want, senza dimenticare icone come Gimme Shelter e, certamente, (I Can't Get No) Satisfaction.

Assieme agli Stones, per l'occasione, salirà sul palco anche Mick Taylor che fu già membro della band dal luglio 1969, quando fu chiamato a colmare il vuoto lasciato dalla morte di Brian Jones. Con Mick e soci farà rivivere l'atmosfera delle sue prime note da Stone con "Midnight Rambler" quando la sua chitarra si unì a quella di Keith Richards nel maxi concerto di Hyde Park.

Da quei giorni sono passati 45 anni. Ma al Circo Massimo, qualcuno se ne è accorto?

LEGGI ANCHE: I Rolling Stones conquistano Roma - La recensione del concerto

© Riproduzione Riservata

Commenti