Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Libri

Sébastien Chabal, 'La mia piccola stella'. L'Orco si confessa

Per la prima volta il rugbista preferito dai francesi (e non solo…) si rivela in un’autobiografia

Sébastien Chabal, La mia piccola stella (particolare della cover) - Credits: Baldini Dalai

Io non sono un rugbista.

Così inizia La mia piccola stella (Baldini & Castoldi ), l’autobiografia di Sébastien Chabal in cui l’ex icona francese del rugby, ormai a fine carriera e dopo l'addio alla nazionale, ha voluto raccontare la sua storia. Nel libro ripercorre la sua traiettoria fuori dal comune: dalla fabbrica in cui lavorava come operaio al ruolo di protagonista in nazionale.

Non sono sempre stato un giocatore di rugby.

Un libro dove racconta tutto di lui, in cui si rivela un uomo divertente e autoironico, timido e sensibile.
Chabal mette in luce il suo carattere, mostrando anche che l'Orco, come è stato soprannominato nel mondo ovale, sa essere anche dolce e gentile. Ma la fama del duro resta (chiedere informazioni agli All Blacks e ai loro tifosi, i più esigenti del mondo, che lo hanno adottato proprio per lo spirito combattivo mostrato contro la selezione neozelandese). Anche quando nelle pagine si legge delle opinioni sul rugby professionistico di oggi: opinioni dure come i placcaggi di chi le ha espresse.

Il rugby mi ha dato tutto.

Un’adolescenza non facile con compagnie sbagliate, qualche furtarello e poi i primi lavori in una fabbrica fino al suo arrivo nel mondo del rugby, per caso. Sarà proprio il rugby a cambiargli la vita.

Quando ci ripenso, mi dico che ho avuto un’incredibile fortuna. Più ripenso al mio percorso e più ne sono certo: so- no nato sotto una buona stella.
Una piccola stella a forma di palla ovale.

Il libro.
È il rugbista francese più famoso, ma chi può dire di conoscerlo veramente? Chi è l’uomo che si nasconde dietro l’immagine che vediamo in campo e nella pubblicità? Sébastien Chabal è un operaio diventato rugbista per caso, i cui valori familiari – generosità, semplicità, onestà – sono gli stessi del suo sport. In questo libro racconta i suoi anni in fabbrica, le sciocchezze fatte da ragazzo, i suoi giri alla guida del camion del nonno ma anche la sua vita di uomo, di marito amorevole e di padre di famiglia. Chabal ripercorre la sua carriera nei club e nella nazionale francese, non esitando a darci il suo giudizio sul rugby di oggi e rivelando un personaggio inatteso, divertente, sensibile, timido, lontano anni luce dalla sua immagine di icona intoccabile. Un uomo sicuro di sé che attraverso questi ricordi restituisce al rugby tutto ciò che il rugby gli ha donato.

Sébastien Chabal, La mia piccola stella (Baldini & Castoldi, 2012).

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>