Libri

Premio Calvino 2014, ecco i nove finalisti

In attesa della proclamazione del vincitore il prossimo 23 maggio, scopriamo i nomi e i titoli in gara per la XXVII edizione

premio-calvino

Premio Italo Calvino 2014 – Credits: Premio Italo Calvino / Pericoli

Quasi ottocento scrittori si sono dati battaglia per ambire all’importante premio dedicato ai migliori nuovi talenti letterari. Dopo mesi di discussioni e schede di valutazione, il Comitato di lettura ha finalmente decretato i finalisti della XXVII edizione del Premio Italo Calvino.

Dal concorso dedicato alle opere inedite sono usciti negli anni passati numerosi e promettenti talenti. Tra questi citiamo alcune belle sorprese delle scorse edizioni, non necessariamente vincitori, come Paolo Marino e il suo Strategie per arredare il vuoto  (Mondadori), Domenico Dara con Breve trattato sulle coincidenze (Nutrimenti), Riccardo Gazzaniga e il romanzo A viso coperto (Einaudi) o Giovanni Greco, che partecipò nel 2012 con Malacrianza e che ha da poco sfornato il bellissimo L’ultima madre (entrambi per Nutrimenti).

In attesa di scoprire il prossimo 23 maggio il nome del vincitore dell’edizione 2014 del Premio, ecco qui sotto la lista dei nove finalisti, che proveranno non solo ad aggiudicarsi il concorso, ma forse soprattutto a raggiungere gli scaffali delle librerie.

Gianni Agostinelli, libraio di Panicale (PG), classe 1978, già autore di vari racconti su riviste cartacee e online. Concorre con il romanzo Perché non sono un sasso.

Pier Franco Brandimarte, ventottenne della provincia di Teramo con un curriculum che conta vignette di satira, favole e spettacoli teatrali per bambini. Partecipa con L’Amalassunta.

Francesco Paolo Maria Di Salvia, nato nel 1982 a Salerno, attualmente vive a Praga. Diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia, ha alle spalle partecipazioni a concorsi come Subway Letteratue, La gettoniera di Vibrisse, Esor-dire. Il suo romanzo in gara si intitola La circostanza.

Simone Giorgi è alla seconda partecipazione al Calvino. Già nel 2012 arrivò tra i finalisti con Il peggio è passato, purtroppo mai pubblicato. Quest’anno riprova con L’ultima famiglia felice.

Fabio Greco, leccese classe 1977, attualmente residente a Londra. Ha già pubblicato per Guerini e Associati alcuni racconti e poesie. Partecipa al Calvino di quest’anno con Genti a cartapesta.

Maurizio Maggi, cinquattottenne torinese, da quando nel 2009 ha iniziato a scrivere ha pubblicato solo alcuni racconti brevi. Il suo romanzo in corsa si intitola L’avamposto.

Elisabetta Pierini è di Fermignano, in provincia di Pesaro e Urbino. Classe 1964, lavora come assistente tecnico-scientifico all’Università degli Studi di Urbino. Da pochi anni si è data alla scrittura ed è approdata al Calvino con il titolo Notte.

Francesca Pilato è una saggista torinese e ha sessantaquattro anni. Il suo curriculum vanta la curatela di alcune opere di letteratura italiana e, dal 2012, lo studio delle relazioni tra letteratura e musica. Partecipa al concorso con Il colore turchino.

Carmela Scotti, messinese classe 1973. Dopo gli studi di pittura e fotografia all’Accademia di Belle Arti di Palermo, ha vissuto a Roma e Milano, facendo i lavori più disparati. Vive ora in Brianza, collaborando con alcuni settimanali. L’imperfetta è il titolo del suo romanzo.

© Riproduzione Riservata

Commenti