Libri

Premio Bancarella: vince "Il mercante di libri maledetti"

Trionfa Marcello Simoni all'edizione 2012 del concorso dedicato ai libri più venduti

Il mercante di libri maledetti

Particolare della copertina de Il mercante di libri maledetti – Credits: Newton Compton

Un anno fa il gradino più alto del podio se lo aggiudicò il montanaro Mauro Corona con il romanzo La fine del mondo storto (Mondadori). Per questa edizione del Premio Bancarella, invece, ha trionfato un thriller storico, Il mercante di libri maledetti di Marcello Simoni, per Newton Compton.

L’ambientazione è medievale. Siamo nel 1205 e un monaco, padre Vivien de Narbonne, è ricercato da un manipolo di cavalieri mascherati, decisi a impossessarsi di un prezioso manoscritto. Nella fuga precipita in un burrone portandosi dietro il misterioso oggetto. Dopo tredici anni un mercante di reliquie, Ignazio da Toledo, viene incaricato di mettersi sulle tracce di quel rarissimo libro, che pare sia capace di evocare gli angeli. Inizia così un’appassionante ricerca tra Italia, Francia e Spagna.

Il Premio Bancarella è dedicato a quelle opere che tra settembre e febbraio si sono distinte per numero di vendite, abbinate anche a una certa qualità. I titoli sono segnalati direttamente dai librai al comitato organizzatore, che ne seleziona sei, vincitori del cosiddetto Premio Selezione Bancarella . In questa edizione, oltre al thriller di Simoni, si contendevano la partita La voce del destino di Marco Buticchi (Longanesi), Così in terra di Davide Enia (Dalai), Semina il vento di Alessandro Perissinotto (Piemme), I poeti morti non scrivono gialli di Bjorn Larsson (Iperborea) e Prepariamoci – Un piano per salvarci (Chiarelettere) di Luca Mercalli.

Da notare come quest’anno abbiano fatto da padrone case editrici che spesso si fanno portavoce di politiche di vendita molto popolari, le quali indubbiamente forniscono una spinta non indifferente alle vendite.

© Riproduzione Riservata

Commenti