Libri

Giorgio Faletti: 3 libri per ricordarlo

Una breve lista di consigli di lettura in omaggio all’eclettico scrittore scomparso

– Credits: Imagoeconomica

Si è spento oggi a 63 anni Giorgio Faletti, poliedrico e amato uomo di spettacolo e di cultura che in trent’anni di carriera ha vestito con successo i panni del comico, dell’attore, del cantante, dello sceneggiatore, del pittore e dello scrittore.

Proprio dalla sua attività di scrittura, cominciata nel 2002, sono nati alcuni dei romanzi più amati dal pubblico negli ultimi dieci anni, consolidando il nome di Giorgio Faletti fra gli scrittori di gialli più quotati. Uno dei maestri internazionali del thriller, Jeffery Deaver, ha detto di lui e del suo lavoro: "Uno come Faletti dalle mie parti si definisce ‘larger than life’, uno che diventerà leggenda". Mentre in un un’intervista al Corriere del 2009, Faletti profetizzò così il proprio futuro: "Quando morirò vivrò nei miei romanzi".

Così noi, come piccolo omaggio, abbiamo voluto scegliere tre fra i suoi libri di maggiore successo, in una lista di consigli di lettura. Per ricordare lo scrittore che raccontava di delitti, ma sempre col sorriso sulla bocca.

Io uccido – (Dalai Editore)
Era il 2002 quando uscì il primo thriller firmato Faletti. Ci fu chi storse il naso vedendo il nome del comico sulla copertina di un romanzo, ma il successo di pubblico, di vendite e di critica smentì i più scettici. Nella trama, un dj Radio Monte Carlo riceve in trasmissione una telefonata di un uomo che afferma di essere un assassino. Il ritrovamento di due cadaveri nella città monegasca dimostrerà il fatto che non si trattava di un millantatore. Le indagini sono affidate al commissario Hulot e all’investigatore ex FBI Frank Ottobre.

Io sono Dio – (Dalai Editore)
La città di New York è colpita da una serie di attacchi esplosivi al napalm, che abbattono edifici seminando devastazione e morte. Il misterioso colpevole non lascia tracce né rivendicazioni. La detective di Manhattan Vivien Light indaga contro il tempo, aiutata dal reporter Russel Wade.

Tre atti e due tempi – (Einaudi)
Nella sua produzione di romanzi, questo è l’unico che si scosta dal genere giallo. È la storia di Silvano Masoero, detto Silver, ex galeotto che fa il magazziniere per una squadra di calcio di serie B. Il coprotagonista è Roberto, il figlio di Silver, promettente giocatore della stessa squadra, che rischia di percorrere la stessa strada del padre.

-----------------------------------

- Io uccido (Dalai Editore)
- Io sono Dio (Dalai Editore)
- Tre atti e due tempi (Einaudi)

© Riproduzione Riservata

Commenti