Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Libri

Fenomenologia del popolo sedotto da Erri De Luca

Altro che 50 sfumature, è l’ex operaio-poeta il sogno di uno stuolo di lettrici che ama il non detto. E il non scritto

di Stefania Vitulli

Il popolo di Erri De Luca è morbido e sensuale ed emana un profumo appena messo, di cedro o di fico, a seconda della regione di provenienza. Perché Erri De Luca è il ragazzo con le vene degli avambracci pronunciate e la barba d’oro che suonava la chitarra in spiaggia guardando lontano, come se le donne fossero l’ultimo dei suoi pensieri. È il maestro di yoga che ha sostituito l’analista che ha sostituito l’idraulico in un immaginario in cui il transfert è l’amplesso hollywoodiano censurato dalle parole happy end. È la polluzione notturna della femminacrocerossina che cerca le cicatrici di guerra sul corpo dell’amato e le bacia nell’estasi pura di Santa Teresa; l’ossimoro in carne: operaiopoeta, volontario-ex violento; l’imprinting del rivoluzionario in citazioni da sedurre e poi aspettare a casa sedute sul divano imparandolo a memoria. E mentre sul divano chiudi gli occhi e chiudi il libro sei la cima che lui sta accarezzando in scalata e pensi: "Gli telefono e glielo dico e intanto gli chiedo a che ora è la rivoluzione". Ma lui ha sempre il cellulare staccato, come tutti i veri climber rivoluzionari, e il desiderio cresce e la zuppa si brucia.

Il popolo di Erri De Luca non va mai a una sua presentazione senza un dono da posare come una supplica sul senso della vita che solo lui sa emanare (solo con lo sguardo, un gesto, un serrarsi di mascella), con l’equilibrio, misura, verità, pregnanza che la condizione umana richiede. Perché, come una groupie digitale ha sintetizzato, lui è "la reticenza che innamora": "Assomiglia a un amante che non ti dice mai ti amo, e glielo devi estorcere, o immaginarlo scritto tra le righe. O drizzare le orecchie e cogliere la sfumatura. Lui non urla mai l’amore, ma te lo fa sentire attraverso la stoffa, se mi intendete: un tormento sottile".

Ergo, Erri De Luca si fa un baffo di Mr Grey di Cinquanta sfumature . E dei guru troppo espliciti come Paulo Coelho e Tiziano Terzani. Perché le lettrici di De Luca, che sono praticamente la totalità dei lettori di De Luca, amano lui attraverso quello che (non) scrive, lo amano perché è resiliente, filtra, non dà, non dice, esaspera. Ecco, diciamo che poi non tutti resistono all’esasperazione come proposta letteraria. Perché anche alla crasi c’è un limite, anche alla metonimia, alla sineddoche, alla sinestesia e a tutte le figure retoriche che distribuisce equamente in una per ciascuna delle frasi elenchiche che compongono i suoi romanzi brevi e le sue poesie lunghe. Come sintetizzano alcuni lettori: "Io odio Erri De Luca perché, oltre a non piacermi come scrittore, scrive libri da 12 pagine e li vende a 12 euro". È atteso entro l’autunno La doppia vita dei numeri (Feltrinelli), il suo nuovo libro. Più che la trama, questi lettori attendono di conoscere il numero di pagine e il prezzo.

Leggi Panorama online

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>