Libri

Anna Premoli, 'Ti prego, lasciati odiare': come innamorarsi del collega che proprio detestate

Primo caso di self-publishing digitale che elegge l'autrice a nuova voce della narrativa italiana

Anna Premoli, Ti prego lasciati odiare (particolare della cover) - Credits: Newton Compton

Mettete una giovane consulente finanziaria di successo che trova nella scrittura notturna lo sfogo allo stress provocato dal suo lavoro. Mettete che questo romanzo sia rimasto chiuso nel cassetto fino a quando il marito lo pubblica di nascosto in versione e-book come regalo di compleanno. Metteteci pure l’immediato successo, senza alcuna promozione o spinta di alcun genere, solo grazie al passaparola.
Avrete ottenuto un successo già annunciato: Ti prego, lasciati odiare (Newton Compton ). Anna Premoli , la fortunata autrice di questo originale romanzo ambientato nel mondo della finanza inglese, divertente e ironico, non ha alcuna intenzione di dedicarsi alla scrittura, ma è decisa a continuare la sua professione nella finanza e di tenere la scrittura relegata nella vita privata come metodo antistress.

Mettete una trentenne inglese consulente patrimoniale, bella, non bellissima. Ironica, intelligente, con una famiglia originale alle spalle, due vere amiche. Allora come mai non riesce ad avere un fidanzato perfetto?
Mettete sulla strada di Jenny un collega a cui anni prima ha rotto il naso. Sì, avete capito bene, il naso. Con un pugno. In ufficio per giunta. Per aggiungere del pepe alla situazione, immaginatevi Ian come il più affascinante degli uomini, con un identikit da sciupafemmine (solo perché appare nella sezione gossip del Sun), ma soprattutto fatevi catturare dal suo profilo nobile, perché Ian è un vero conte. Con tanto di titolo.  
E mettete a questo punto il fatto che i due proprio non si tollerano. Forse. Ma che il lavoro li costringerà ad avvicinarsi, contro le loro volontà. Il finale a sorpresa? Perché togliervi il piacere di una lettura intrigante, rilassante e divertente?

"Io e te siamo un errore", gli ripeto ancora, ma lui non si scompone.
"E allora facciamo questo errore, al resto penseremo dopo", mi dice.

Il libro.
Jennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra. A capo di due diversi team nella stessa banca d’affari, tra di loro è da sempre scontro aperto e dichiarato per essere il numero uno. Si detestano, non si sopportano, e non fanno altro che mettersi i bastoni fra le ruote. Finché un giorno, per caso, i due sono costretti a lavorare a uno stesso progetto: gestire i capitali di un facoltoso e nobile signore. E a passare così molto del loro tempo insieme, anche oltre l’orario d’ufficio. Ma Ian è lo scapolo più affascinante, ricco e ambito di tutta Londra e le sue compagnie non passano mai inosservate: basta un’innocente serata trascorsa a uno stesso tavolo perché lui e Jennifer finiscano sulle pagine dei gossip di un giornale scandalistico. Lei è furiosa: come possono averla associata a un borioso, classista e pallone gonfiato come Ian? Lui è divertito, ma soprattutto sorpreso: le foto con Jenny hanno scoraggiato tutte le sue assillanti corteggiatrici. E allora si lancia in una proposta indecente: le darà carta bianca col facoltoso cliente se lei accetterà di fingersi la sua fidanzata. Sfida accettata e inizio del gioco! Ma ben presto, la gestione di quello che per Janny sembrava uno scherzo si rivela più complicata del previsto. Soprattutto se un’animalista e vegetariana convinta come lei si vede obbligata a partecipare a una battuta di caccia. E se una strenua sostenitrice della lotta di classe deve ascoltare nobili blasonati che ostentano le proprie antiche e illustri origini. Ma soprattutto, se un bacio che dovrebbe far parte della finzione, scatena brividi e reazioni del tutto inattese…
È possibile che la donna in carriera e sicura di sé cominci a provare qualcosa per quel suo splendido e detestabile collega? E se quell’aspetto sempre perfetto e quel fare da presuntuoso nascondessero altro? Allora il gioco potrebbe farsi davvero intrigante e pericoloso...

Ti prego, lasciati odiare
di Anna Premoli
Newton Compton, 2013
9,90 euro, pagg. 318

@violablanca

© Riproduzione Riservata

Commenti