Libri

Addio Laura Grimaldi. La regina del giallo in 5 libri

Si è spenta a 84 anni Laura Grimaldi, scrittrice, traduttrice e critica letteraria. La ricordiamo attraverso alcune delle sue migliori opere e traduzioni

Laura Grimaldi

La scrittrice, traduttrice e critica letteraria Laura Grimaldi, scomparsa a 84 anni – Credits: OLYCOM / GIOVANNETTI GIOVANNI

A tre anni di distanza dalla scomparsa di Fernanda Pivano , una grave malattia respiratoria ha portato via ieri Laura Grimaldi, un’altra grande donna della letteratura e dell’editoria italiana contemporanea.

Nata a Rufina (Firenze) nel 1928, la Grimaldi si trasferisce a Milano nel 1957, dove inizia giovanissima a collaborare con Mondadori come traduttrice dall’inglese, lavoro che la porta ad avere a che fare con centinaia di opere di firme importanti, tra cui Ray Bradbury, John Dickson Carr, Raymond Chandler, Agatha Christie, Philip K. Dick, Thomas Harris, Ernest Hemingway, Ellery Queen, Rex Stout, Scott Turow, Donald E. Westlake.
Dagli anni Sessanta le viene affidata la direzione di collane celebri, come Segretissimo, I Neri, I Rapidi, Cerchiorosso, fino ad arrivare a Il Giallo Mondadori e Urania. Nel 1989 si avventura nell’editoria indipendente, fondando con Marco Tropea la casa editrice Interno Giallo, successivamente acquistata da Mondadori.

Attiva anche nel campo della critica letteraria, la Grimaldi scrive tra gli anni Settanta e Ottanta numerosi articoli per giornali e riviste, come Il Messaggero, Linea d’Ombra, Millelibri. Non solo, nell’arco della sua carriera firma anche saggi, romanzi e sceneggiature per il cinema e la televisione.

Per riscoprire o conoscere Laura Grimaldi, ecco il nostro modesto omaggio in cinque libri.

Faccia un bel respiro (Mondadori)

Si tratta dell’ultimo libro della Grimaldi, in cui la scrittrice si addentra tra i reparti di terapia intensiva, nelle sale prelievi e nelle palestre riabilitative, dove emergono la sofferenza e la stanchezza di chi lotta contro la malattia. L’autrice stessa, scrivendo il volume, si trova nel pieno della lotta contro la sua patologia respiratoria e racconta in prima persona il difficile percorso di chi si affida ai meccanismi della medicina, ai suoi protocolli e sistemi che appaiono spesso oscuri, a volte crudeli, talvolta errati. Faccia un bel respiro è un piccolo "manuale di sopravvivenza ospedaliera" adatto a tutti, utile per preservare se stessi e il proprio buonumore nei momenti più bui della sofferenza.

Perfide storie di famiglia (Tropea)

Il volume raccoglie tre romanzi distinti, pubblicati singolarmente tra il 1989 e il 1993, i cui fili conduttori sono l’analisi e la denuncia delle ingiustizie e delle tragedie della società contemporanea, attraverso storie di quotidiana infelicità. I romanzi sono Il sospetto, in cui una madre affronta l’attanagliante dubbio che la porta a pensare che il figlio possa essere un assassino; La colpa, che parla della ricerca della verità riguardo all’omicidio di una donna; infine La paura, quella che regna su una famiglia oppressa dalla pazzia di un padre, che sfocerà nella drammatica resa dei conti.

Scrivere il giallo e il nero (D. Audino)

La Grimaldi pesca dalla sua lunga carriera di editor e di scrittrice di genere, costruendo questo “quasi manuale” ricco di consigli e informazioni tecniche, dalla distinzione tra giallo e nero alla descrizione degli elementi fondamentali: delitto, assassino, movente, indagine. Utile per chi volesse cimentarsi nella scrittura di un poliziesco.

Lotteria dello spazio – Philip K. Dick (Fanucci)

Si tratta del primissimo romanzo di fantascienza di Philip K. Dick , uscito nel 1955. In Italia uscì per la prima volta nel 1958, col titolo Il disco di fiamma, tradotto proprio da Laura Grimaldi per la storica collana Urania di Mondadori.

Il grande mondo laggiù – Ray Bradbury (Mondadori)

È un’altra delle centinaia di importanti traduzioni della Grimaldi. Si tratta di un’antologia di 34 racconti incentrati sul tema dell’amicizia, scritti da Ray Bradbury, l’autore di Fahrenheit 451 , anch’egli recentemente scomparso.

© Riproduzione Riservata

Commenti