Libri

10 libri che ti rendono una persona migliore

Una lista che potrebbe essere infinita: da Sciascia a Camus, passando per Musil e la Morante. Ecco alcuni consigli di lettura per migliorare se stessi

leggere-per-migliorarsi

Leggere per migliorare se stessi – Credits: Miguel Medina/AFP/Getty Images

Leggere è un piacere e un’utile medicina. Lo sviluppo umano di una persona passa anche attraverso l’empatia che possono scatenare grandi o piccoli capolavori. Un buon libro è capace di migliorare la nostra percezione della realtà, aumentando le prospettive e gli orizzonti di pensiero. Fortuna vuole che si possa attingere da una miniera quasi infinita di buoni libri, talmente tanti sono gli esempi in letteratura.

Già in passato avevamo provato a stilare una lista di consigli letterari utili a migliorarsi, ma dato che questo genere di elenchi hanno carattere fortemente personale, abbiamo voluto aggiornarla con altre opere altrettanto capaci di dare qualcosa in più al nostro modo di affrontare la vita. 

Una storia semplice – Leonardo Sciascia (Adelphi)

È un magistrale trattato in forma di giallo sullo stato della giustizia del nostro Paese, in cui spesso, quando il potere è coinvolto, si conoscono i colpevoli ma mai si possono condannare. Un libro che aiuta a tenere alta l’attenzione sulle ingiustizie, a indignarsi di fronte ai soliti sospetti (anzi colpevoli) impuniti. 

L’isola di Arturo – Elsa Morante (Einaudi)

Premio Strega del 1957, il romanzo della Morante accompagna il lettore in una pregevole metafora dei viaggi e delle esplorazioni che ognuno di noi fa interiormente, lungo tutta la nostra esistenza. L’isola è l’origine, la casa sicura, circondata dal mare ignoto intorno, ossia la vita da esplorare, da affrontare.

Il deserto dei tartari – Dino Buzzati (Mondadori)

Una pregevole e indimenticabile allegoria sul senso del tempo legato all’esistenza dell’uomo. Lungo il lento scorrere dei giorni, tutti uguali, scanditi dalla routine e dalla comoda tendenza a procrastinare ogni scelta che potrebbe portare a grandi o a piccoli cambiamenti.

L’uomo senza qualità – Robert Musil (Mondadori)

In questo monumentale e complesso romanzo filosofico, il trentenne Ulrich è alla ricerca nientemeno che del senso della vita. Lui di qualità ne ha tante, ma non sa come indirizzarle: in tanti vi possono vedere i propri 30 anni.

Il buio oltre la siepe – Harper Lee (Feltrinelli)

La forza morale di un personaggio come Atticus Finch non può non toccare l’anima del lettore.

Delitto e castigo – Fedor Dostoevskij (Einaudi)

Pochi autori sanno arrivare agli stessi livelli di profondità di Dostoevskij nel cogliere gli angoli più nascosti dell’uomo e le infinite sfumature della moralità.

Lo straniero – Albert Camus (Bompiani)

Il protagonista arriva con una logica esasperata alla consapevolezza di "essere" e di "sentire": sembra banale, ma non è semplice affrontarla una volta raggiunta.

Cent'anni di solitudine – Gabriel García Márquez (Mondadori)

Massima espressione del realismo magico sudamericano. Il libro giusto per guardare la realtà con occhi diversi ed apprezzare il potere immaginifico della letteratura.

Cecità – José Saramago (Feltrinelli)

Un'improvvisa epidemia rende la quasi totalità della popolazione mondiale cieca. Da questa situazione apocalittica, che fa esplodere i lati più bestiali e feroci dell'essere umano, si trova lo spunto per riflettere sull'indifferenza, l'egoismo, la sopraffazione. Una catarsi.

La versione di Barney – Mordecai Richler (Adelphi)

Attraverso la talvolta confusa e spesso esilarante raccolta di ricordi di Barney Panofsky è possibile sperimentare una diversa consapevolezza riguardo alla propria esistenza e al proprio rapporto con la memoria.

---------------

- Una storia semplice – Leonardo Sciascia (Adelphi)
- L’isola di Arturo – Elsa Morante (Einaudi)
- Il deserto dei tartari – Dino Buzzati (Mondadori)
- L’uomo senza qualità – Robert Musil (Mondadori)
- Il buio oltre la siepe – Harper Lee (Feltrinelli)
- Delitto e castigo – Fedor Dostoevskij (Einaudi)
- Lo straniero – Albert Camus (Bompiani)
- Cent'anni di solitudine – Gabriel García Márquez (Mondadori)
- Cecità – José Saramago (Feltrinelli)
- La versione di Barney – Mordecai Richler (Adelphi)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti