Uno sgambetto a padre e figlia profughi, in fuga dalla polizia ungherese. 

Quello sferrato dalla giornalista dell'emittente della destra nazionalista N1TV Petra Laszlo, vicina al partito ultraconservatore Jobnik, ha richiamato alla memoria una parte della storia ungherese di 70 anni fa: quella del partito filonazista delle Croci Frecciate fondato da Ferenc Szàlasi.

Fondato nel 1935 sulle radici ideologiche del filonazista ungherese Gyula Gombos che all'indomani della dissoluzione dell'Impero Austro-ungarico coniò per primo il termine nazional-socialista, fu da subito caratterizzato da una forte componente antisemita. Soprattutto dopo il breve e oppressivo regime comunista seguito al putsch del 1919, i cui leader erano di origini ebraiche. Durante il governo ultraconservatore dell'ammiraglio Miklòs Horthy, le future croci frecciate si diedero ad una rappresaglia contro gli ebrei ungheresi nota come il terrore bianco.

Ciò che tenne inizialmente Hitler lontano dal partito filonazista di Budapest fu il fatto che le ambizioni territoriali dei nazionalisti ungheresi coincidevano con quelle dei Reich.

Ciò che nacque dalla commistione di fascismo, nazionalismo ultracattolico e antisemitismo sarà comunemente chiamato con il termine "Ungarismo".

Allo scoppio della guerra nel 1939, il partito di Szàlasi raggiunse il 15%.

Tuttavia Horthy decise di bandire le croci frecciate nell'emergenza della guerra. Nel 1944 Hitler ormai spazientito con il governo di Horthy procede all'invasione dell'Ungheria deponendo l'ex leader. Con le truppe sovietiche ormai all'interno del territorio ungherese, le croci frecciate vivono il loro breve ma sanguinario dominio sotto la guida di Szàlasi.

Dall'estate del 1944, con la partecipazione attiva delle croci frecciate, più di 400.000 cittadini ebrei furono concentrati in edifici segnati dalla stella di Davide dipinta in giallo e avviati alla deportazione.

Durante l'olocausto ungherese circa 15.000 furono le vittime tra ebrei e oppositori, mentre il numero dei deportati nei campi nazisti arrivò a circa 80.000. 

L'ingresso delle truppe dell'Armata Rossa avverrà dopo l'assedio di Budapest del dicembre 1944 che vide le atrocità dei nazisti ungheresi moltiplicarsi verso gli inermi e i malati dei due ospedali ebraici della capitale.

I russi entrano a Budapest, e l'11 dicembre 1944 Szàlasi fugge dalla capitale. sarà processato come criminale di guerra e giustiziato a Budapest il 12 marzo 1946

© Riproduzione Riservata

Commenti