Maurizio Costa
Cultura

La Filiera della Carta a convegno per sostenere la lettura

"Giornali e libri: strumenti di buona informazione e cultura" è il titolo dell'incontro organizzato dal network per far luce sul comparto

Ammonta a oltre 30 miliardi di euro (30,96 per la precisione) il fatturato complessivo delle imprese rappresentate dalla Filiera della Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione.

Nata nel 2004 per evidenziare il valore economico e sociale di un comparto che nonostante il perdurare della crisi continua a costituire un segmento vitale per il Paese, la Filiera è una rete composta da sette associazioni legate alla produzione e diffusione di prodotti informativi e culturali (Acimga, Aie, Argi, Asig, Assocarta, Assografici, Fieg).

Per parlare delle misure strutturali necessarie a sostenere  la lettura e la domanda di informazione qualificata, il network ha organizzato l'incontro “Giornali e libri: strumenti di buona informazione e cultura. Le proposte della Filiera della carta”  che si terrà giovedì 20 aprile alle ore 11,30 a Milano nell’ambito della manifestazione Tempo di Libri (Fiera Milano Rho, Sala Courier, PAD. 2, Porta Est, Lettera N).

Un comparto in costante minaccia
Le imprese rappresentate dalla Filiera oggi occupano 688 mila addetti in totale. Il calo degli acquisti di prodotti culturali come libri e giornali (-37% tra il 2007 e il 2015) e la riduzione del numero dei lettori (per esempio solo il 42% degli italiani legge libri stando ai dati aggiornati al 2015 dell'Associazione italiana editori) figurano tra i fattori che minacciano il comparto.

Durante l'incontro in programma giovedì il professore di Economia e gestione delle imprese Alessandro Nova dell’Università Bocconi di Milano illustrerà i risultati ottenuti dalla Filiera fin qui.

Seguirà una tavola rotonda nel corso della quale verrà evidenziata l’importanza dell’offerta professionale di prodotti culturali ampia, diversificata e di qualità.

L'export oggi resta l'elemento trainante della Filiera e dei settori che la compongono: dall'inizio delle rivelazioni (2000) il rapporto export su fatturato è passato dal 19 al 30,9%, percentuale che testimonia la crescente apertura della Filiera alla componente internazionale. Ma la componente nazionale continua a ogni modo ad avere un peso preponderante.

Gli interventi individuati dalla Filiera per sostenere la domanda di giornali e libri saranno illustrati nel corso di un dibattito al quale parteciperanno il vicedirettore del Corriere della Sera Daniele Manca, il vicepresidente Assocarta e Delegato Print Power & Two Sides Italia Paolo Mattei e il presidente e amministratore delegato del Gruppo editoriale Mauri Spagnol (GeMS) Stefano Mauri.

Il dibattito sarà moderato dal giornalista e scrittore Roberto Sommella.

© Riproduzione Riservata

Commenti