Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Arte & Idee

Tarocchi: carte tra magia, spiritualità e arte

Va in mostra a Milano il fascino esoterico del più antico mazzo completo d’epoca rinascimentale

C’è chi vede nelle carte solo un passatempo e chi è disposto a giocarsi una fortuna. Ma quella che oggi è andata perduta è la valenza esoterica, il percorso di elevazione spirituale celato nel simbolismo delle figure. Cioè un tratto tipico della cultura umanisticorinascimentale, maturata nell’ambiente delle corti signorili, a cui apparteneva la voga dei tarocchi prima che il loro uso si diffondesse a scopo divinatorio. Veri oggetti d’arte, ma anche emblemi misteriosofici, sono perciò da considerare i 78 pezzi della collezione Sola Busca: si tratta del più antico mazzo completo d’epoca rinascimentale, acquistato per 800 mila euro dalla Pinacoteca di Brera e fulcro della mostra Il segreto dei segreti. I tarocchi Sola Busca e la cultura ermetico-alchemica tra Marche e Veneto alla fine del Quattrocento , che il museo milanese ospita fino al 17 febbraio (catalogo Skira).

Oltre a mettere in rapporto il mazzo con aspetti della cultura dell’epoca, la rassegna «scopre le carte», attribuendone la fattura (finora ritenuta d’ambito ferrarese) al pittore anconetano Nicola di maestro Antonio, attivo fra il XV e XVI secolo, su progetto iconografico dell’umanista Ludovico Lazzarelli. Il mazzo fu poi miniato a Venezia per conto di Martin Sanudo, uno storico in odore d’alchimia. E proprio la chiave esoterica ha permesso di aprire un varco sulla complessa iconografia del mazzo: un processo di rigenerazione dell’uomo in una forma simile a quella divina e dunque capace di formulare oracoli e guarigioni.

I tarocchi camminano sul baratro dell’eresia. Oggi abbiamo smesso di cercare la pietra filosofale, ma forse ha ragione Carl Jung: "C’è sincronicità fra il nostro stato d’animo e la figura dei tarocchi".

Leggi Panorama online

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>