Arte & Idee

Un parco dell'arte per Milano

Inaugura all'idroscalo un percorso in 20 sculture di artisti contemporanei

Giacomo Manzù, "Fauno", 1968-2004, bronzo, esposta al Parco dell'Arte dell'idroscalo di Milano (foto ufficio stampa)

Una grossa testa in filo di ferro accoglie i visitatori, tra l'erba e l'acqua dell'idroscalo, a Milano. Inizia così il percorso del Parco dell'Arte, venti sculture di artisti contemporanei lungo le sponde del lago artificiale, per oltre un chilometro. Alla prima opera, firmata Fabrizio Pozzoli, segue un'altra enorme testa di Paolo Delle Monache, in bronzo, che osserva dall'alto i visitatori con fare sapiente. Il viaggio propsegue con Giovanni Campus e la sua idea geometrica, Piergiorgio Colombara con l'opera Casamata, espressione verticale in bronzo, Alex Corno, Alberto Ghinzani, tra pietra e ferro, Giacomo Manzù, con un bellissimo uomo in posizione accucciata e altri ancora.

Tra astrattismo e figurativismo, la scultura si mescola con la natura, in un paesaggio nuovo per il capoluogo lombardo. «Un luogo di scambio e di incontro dell'area metropolitana, nel quale rendere tangibili le grandi eccellenze del territorio. E di una grande possibilità in vista di Expo: il nostro polmone verde sarà una speciale vetrina di uno degli ambiti che meglio ci contraddistinguono nel mondo, l'arte», come lo ha definito Guido Podestà, presidente della Provincia di Milano.

Parco dell'Arte apre al pubblico il 15 settembre, dalle 7 alle 21.

© Riproduzione Riservata

Commenti