Illuminata dall’acqua, la Scuola Grande di Santa Maria della Misericordia di Venezia - realizzata da Jacopo Sansovino nel 1532 - diventa il luogo di battesimo di "Magister" per celebrare, dal 13 luglio al 5 novembre 2017, il Maestro della rivoluzione dell’arte occidentale: Magister Giotto, il primo di una serie di racconti sui Grandi Maestri dell’arte italiana.

La produzione artistica di Giotto è narrata attraverso un percorso verbale, visivo e musicale attraverso il quale il pubblico può comprendere la rivoluzione compiuta dalla sua opera nel tardo Medioevo, rivoluzione che ha rinnovato l’arte occidentale, aprendo la strada dal Rinascimento all’età moderna.

Il visitatore viene accolto nell’immensa navata d’ingresso dall’imponente Croce del Presepe Greccio, ricostruita, su ispirazione di quella dell’affresco, come una installazione spiritualmente tridimensionale e prosegue al primo piano nella sequenza di sette ambienti di grande impatto percettivo, realizzati con una speciale architettura tessile. Alla base dell’impianto narrativo, le storie francescane di Assisi, la Cappella degli Scrovegni di Padova, i maestosi Crocifissi e le altre opere del Maestro realizzate a Firenze sono  del piano primoLe date

Le date

Magister Giotto - curata da Alessandro Tomei, professore ordinario di storia dell’arte medievale e da Giuliano Pisani, filologo classico e storico dell’arte - è visitabile dal 13 luglio al 5 novembre 2017 nei seguenti giorni e orari: dalla domenica al venerdì, 10.30 -18:30. Il sabato dalle 10.30 alle 20.30

Dove

Ad ospitare l'evento, la Scuola Grande della Misericordia di Venezia in Sestiere Cannaregio 3599

Perché è interessante

L’obiettivo è quello di consentire a un pubblico di età e provenienza diverse di compiere un percorso culturale e artistico di alto profilo, nel quale allestimento, conoscenza e spettacolo si fondono insieme per creare un’unica esperienza di coinvolgimento e partecipazione individuale. 


Cos'è Magister

È un format - prodotto da Cose Belle d’Italia Media Entertainment - per promuovere il pensiero e l’arte italiana a livello internazionale, perchè la cultura sia intesa anche come forma di intrattenimento dal valore universale. Ogni mostra si avvale della collaborazione di Comitati Scientifici (costituiti dai principali studiosi di ogni artista), per coniugare in maniera originale e innovativa ricerca artistica e tecnologia multimediale, allo scopo di creare percorsi culturali davvero unici e contemporanei.

MAGISTER GIOTTO - che verrà presentata nella primavera 2018 a Tokyo e Kyoto - è la prima delle tre esposizioni che compongono la trilogia MAGISTER e che, oltre a Giotto (tardo Medioevo), prevede CANOVA (Neoclassico, estate 2018) e RAFFAELLO (Rinascimento, estate 2019)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Klimt Experience al Mudec di Milano

Fino al 7 gennaio 2018, un excursus multisensoriale nell’universo pittorico, culturale e sociale dell'artista della Secessione viennese

Commenti