Dedicata al decennio 1567-1576, il periodo che Domenikos Theotokopoulos (detto El Greco) trascorse in Italia, l’attesa mostra "El Greco in Italia. Metamorfosi di un Genio" racconta, attraverso spunti scientifici inediti, come il “viaggio” nel nostro Paese abbia plasmato l’ artista al punto tale da trasformarlo da iconografo del mondo ortodosso a genio visionario che ispirò artisti del calibro di Cézanne, Manet, Pollock, Bacon, Picasso.

Una trentina le opere esposte - molte delle quali visibili in Italia per la prima volta - suddivise in un percorso espositivo di 4 macro sezioni, per coinvolgere il pubblico in un affascinante viaggio sulle tracce dell’attività dell’artista tra Venezia, Roma e l’Italia centrale, dove El Greco ebbe modo di entrare in contatto diretto con la coeva arte di Tiziano, Bassano e Tintoretto, artisti che influenzarono profondamente la sua opera

Interessantissima la parte finale del' esposizione, dedicata alle influenze che El Greco ha esercitato sugli artisti delle avanguardie del ‘900, tra cui geni come Pablo Picasso e Francis Bacon: in mostra anche alcuni dei  loro capolavori, per regalare al visitatore un’ esperienza unica, un viaggio tra l’arte rinascimentale e moderna che rivela, inequivocabilmente, come i colori acidi, il movimento ascensionale delle figure, l’ impressionante rappresentazione psicologica dei ritratti, gli sprazzi di luce rubati alle tenebre tipici de El Greco, abbiano incantato molti artisti famosi anche secoli dopo la morte del Maestro, al punto tale da renderlo uno degli artisti più imitati al mondo

El Greco in Italia. Metamorfosi di un genio
a cura di Lionello Puppi
dal 24 ottobre 2015 al 10 aprile 2016
Casa dei Carraresi
Via Palestro 33-35, Treviso

© Riproduzione Riservata

Commenti