Arte & Idee

Puer Natus: l'infanzia di Gesù nei corali miniati del Duomo di Siena

Sontuose pergamene miniate tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo in mostra fino al 27 gennaio

 

Ha aperto al pubblico il 1° dicembre a Siena la mostra Puer Natus. L’infanzia di Gesù nei corali miniati del Duomo di Siena, dedicata alle sontuose pergamene miniate tra la fine del XIII e l’inizio del XIV secolo per la cattedrale di Santa Maria Assunta.


Nella cripta sotto il Duomo e nella libreria Piccolomini sarà possibile ammirare una sorta di prezioso “presepe”, costituito  dalle magnifiche miniature dedicate all’annunciazione, alla natività, all’adorazione dei Magi e alla presentazione al tempio di Gesù. I corali presentati in mostra nella libreria Piccolomini saranno aperti, per la prima volta, ad una carta (pagina) diversa rispetto a quella dell’esposizione permanente. In cripta, l’infanzia di Gesù sarà illustrata attraverso alcuni preziosi corali della fine del XIII secolo provenienti dal Museo e dall’Archivio dell’Opera del Duomo.


Essi rappresentano un tassello fondamentale per la ricostruzione della storia della miniatura tra la fine del Duecento e gli inizi del Cinquecento e fanno parte di un corpus di circa trentacinque codici realizzato per la Cattedrale di Siena in due diverse serie: una risalente alla fine del Duecento, l’altra alla seconda metà del Quattrocento. Tra gli autori più rappresentativi  da rilevare è la presenza del Terzo Maestro dei Corali del Duomo, attivo alla fine del XIII secolo e autore della splendida Natività riferibile a quella affrescata pochi anni prima nella Cripta; e quella di Girolamo da Cremona e Liberale da Verona che, nell’ultimo quarto del XV secolo, crearono splendide lettere miniate come quella raffigurante l’Adorazione dei Magi.


Il percorso espositivo è completato da una sezione multimediale che permetterà al visitatore di “sfogliare” su touch-screen le preziose carte, ammirando nei dettagli la  bellezza delle miniature.  La visita nei locali della Cripta sotto il Duomo sarà accompagnata dall’ascolto di brani di canto gregoriano legati alla liturgia del Tempo di Natale.


Realizzata dall’Opera della Metropolitana, la mostra rimarrà aperta fino al 27 gennaio.

© Riproduzione Riservata

Commenti