Arte & Idee

Bit Bum Bam, idee per uno uso intelligente della tecnologia

Progetti educativi in concorso

Bit Bum Bam, il concorso di idee per progetti educativi in versione digitale (Ufficio stampa)

Cosa significa usare in modo consapevole la teconologia? Chiedetelo ai creativi, e alla giuria di Bit Bum Bam, un concorso di idee per sostenere nuovi progetti educativi in versione digitale. Il progetto è stimolante perché permette a chiunque ne abbia voglia, di confrontarsi con un tema decisamente interessante: il futuro. Da declinare in tre grandi temi, tutti volti alla crescita e all'apprendimento pensati su misura per i nativi digitali. L'unica regola da rispettare è presentare un progetto che sia realizzabile grazie all'utilizzo intelligente della teconologia.

L'obiettivo è creare tool, software, ebook, progetti che aiutino a superare le diversità di lingua, cultura o abilità e strumenti che servano a bambini e insegnanti a migliorare l'apprendimento. Ma è anche una sfida alla crisi: i tre finalisti riceveranno un contributo economico e un supporto per realizzare il loro progetto.

Per partecipare basta caricare il proprio progetto sulla piattaforma bitbumbam.it secondo le aree di pertinenze (Tecnologia per crescere, per integrare, per imparare) e poi sarà il popolo di internet a vestire i panni della giuria popolare. I dieci progetti più votati entro il 13 novembre verranno valutati, ma questa volta dalla giuria scientifica, che selezionerà i tre migliori, uno per categoria.

Due mesi, 5mila euro e un servizio di mentorship da parte di iStarter, incubatore e acceleratore di business, aiuteranno i tre finalisti a completare il loro progetto e presentarlo in occasione del Safer Internet Day l'11 febbraio 2014, quando verrà decretato il vincitore che si aggiudicherà un ricco premio, pari a 25mila euro e il sostegno di iStarter per altri sei mesi.

A lanciare l'iniziativa è Ing Direct, con iStarter, Tykli e La Fabbrica, con l'obiettivo di promuovere e sostenere l'educazione delle nuove generazioni.

Buone idee a tutti!

© Riproduzione Riservata

Commenti