Una mostra che coglie l’ affinità tra le artiste padovane Maria Pia Camporese (1952-2013) e Carla Rigato, due linguaggi pittorici diversi, sia nella tecnica che nell'espressione, ma per certi aspetti molto simili. In Pia Camporese prevalgono i segni forti, graffiati e incisi con colori blu, rossi o neri, in grado di coinvolgere chi li osserva in una profonda riflessione.

In Carla Rigato emerge soprattutto il grande vigore emotivo ed espressivo realizzato con getti di colore puro sulla tela. Le unisce il bisogno di libertà espressiva, la continua ricerca e sperimentazione artistica, un inconscio ribelle che fa affiorare profondità altrimenti celate. Circa 50 le opere esposte, tra tele (alcune di grande formato), sculture ed installazioni, che compongono un racconto compiuto del mondo poetico delle due artiste, tematicamente caratterizzato da una intensa riflessione intimista e stilisticamente riferibile alla stagione dell' Espressionismo per quanto riguarda la Camporese, dell’Astrattismo invece per le opere della Rigato.

“Affinità Elettive” vuole essere, inoltre, una mostra dinamica, che indaga lo sfaccettato universo artistico di Maria Pia Camporese e Carla Rigato anche attraverso la presentazione di libri e di temi filosofici e psicologici legati alla loro poetica artistica. Cinque incontri d’approndimento presentati da importanti nomi della cultura padovana e non solo

“AFFINITÀ ELETTIVE”
Maria Pia Camporese – Carla Rigato

Galleria Cavour, Padova


11 settembre - 11 ottobre 2015


© Riproduzione Riservata

Commenti