Jimmy's Hall
Cinema

Jimmy's Hall, il film di Ken Loach sull'Irlanda anni '30 e su un uomo speciale - Video

In un'epoca di oppressione culturale, Jimmy Gralton sfida politici e Chiesa aprendo una sala da ballo, la miccia per l'esplosione del libero pensiero

Jimmy's Hall - Una storia d'amore e libertà è il nuovo film di Ken Loach, regista impegnato, cinematograficamente sempre all'attacco e attento a dar voce alle classi più disagiate e a metter il dito sui soprusi. Questa volta il filmmaker britannico dall'aria mite e cordiale ci racconta la storia vera di James Gralton, primo e unico irlandese deportato dal suo Paese nel 1933. La sua colpa? Aver aperto una sala da ballo. Al cinema dal 18 dicembre con Bim Distribuzione (in anteprima in Sala Bio, il 15 dicembre a Bologna al cinema Odeon, il 16 dicembre a Milano al cinema Colosseo).

Jimmy Gralton, interpretato dall'attore irlandese Barry Ward, è un ragazzo carismatico e dalle idee straordinariamente avanzate per l'epoca in cui vive. Nel 1921 ha costruito una sala da ballo a un incrocio di campagna, in un'Irlanda sull'orlo della Guerra civile. La Pearse-Connolly Hall è un locale dove i giovani possono andare per imparare, discutere, sognare… ma soprattutto per ballare e divertirsi. Giorno dopo giorno, il locale diventa sempre più affollato e popolare, finché la sua fama di ritrovo di comunisti e liberi pensatori arriva alle orecchie della Chiesa e dei politici, che alla fine costringono Jimmy a fuggire in America e la sala da ballo a chiudere. Dieci anni dopo, nel pieno della Grande Depressione, Jimmy torna nella Contea di Leitrim per prendersi cura di sua madre, deciso a condurre una vita tranquilla. La sala da ballo è sempre lì ma abbandonata. Col passare del tempo, però, spinto dalle pressioni dei giovani del posto e dall'oppressione culturale che affligge la sua comunità, Jimmy decide di riaprire la sala, costi quello che costi. 

Nel cast anche Simone Kirby, Jim Norton, Andrew Scott, Francis Magee.

In questo video in esclusiva estratti del film e dichiarazioni di Loach e Ward.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>