Focus - Niente è come sembra
Cinema

"Focus - Niente è come sembra" con Will Smith e Margot Robbie: 5 cose da sapere

Tra auto fiammanti e vini pregiati, una storia di crimine e amore sul filo della dissimulazione

"L'attenzione è come un riflettore e il nostro compito è danzare nell'oscurità". Parola di Will Smith, elegante truffatore e ladro nel film tra crimine, commedia e romanticismo Focus - Niente è come sembra. Dal 5 marzo nelle sale italiane, in America ha debuttato il 27 febbraio in testa al boxoffice con 19 milioni di dollari incassati in 72 ore di programmazione, scalzando Cinquanta sfumature di grigio, seppur con numeri un po' al di sotto delle aspettative. 

Super star un tempo inarrestabile, Smith vuole rifarsi dopo il fiasco di After Earth, che incassò davvero poco in patria - seppur rifacendosi a livello internazionale -, fu stroncato dalla critica e ricevette tre Razzie Awards (su sei nomination). A dirigerlo c'è il duo di registi-sceneggiatori Glenn Ficarra e John Requa, già autori di Colpo di fulmine - Il mago della truffa e Crazy, Stupid, Love. Accanto a lui c'è una bomba sexy come Margot Robbie, australiana lanciata da un altro film di soldi e raggiri, The Wolf of Wall Street.

Tra auto fiammanti, colonna sonora grintosa, vini pregiati e orologi preziosi, abiti signorili o succinti, va in scena una storia patinata e glamour, sufficientemente briosa quando è l'inganno a mostrare tutte le sue sfaccettature più nascoste, decisamente annacquata e tutt'altro che attraente quando la storia d'amore cerca di farsi strada tra le menzogne. 

Ecco cinque cose da sapere su Focus - Niente è come sembra.

 

1) La chimica tra Smith e Robbie

Smith è Nicky, un mago del depistaggio. Robbie è Jess, criminale in erba che lo prega di insegnarle i trucchi del mestiere. "Assunta" come stagista dell'imbroglio, fa il suo debutto ufficiale nella banda di Nicky a New Orleans, tra la folla accorsa per una partita di football. Tra Nicky e Jess, però, le implicazioni non sono solo professionali e l'attrazione presto lascia spazio a un sentimento che sembra essere amore. Forse. 
Nonostante la differenza di età, 46 anni Smith contro i 24 di Robbie, la chimica tra i due funziona abbastanza bene. Lo charme di lui e la bellezza esplosiva di lei sono un buon amalgama al loro carisma naturale. Anche Robbie all'inizio era scettica sul fare coppia con Smith: "Inizialmente ho pensato, 'non potrei mai recitare al fianco di Will Smith', nessuno ci avrebbe mai accostati per la differenza di età e per la nostra personalità", ha detto l'attrice all'Independent. "Un sacco di persone, tra cui probabilmente Smith, credeva che non avremmo funzionato insieme. Ma poi siamo entrati in una stanza. E alla fine è emerso che abbiamo personalità simili e abbiamo funzionato bene insieme. C'è stato un rapporto immediato. La chimica è una cosa strana". 

2) L'amore annacqua l'intrattenimento

Focus è quanto basta scintillante quando è l'inganno a percorrere le sue tortuose anse, con continui colpi di scena. Sul filo del bluff ci muoviamo in una New York innevata, ci aggiriamo per le strade colorate di New Orleans, entriamo in stadi di football americano e siamo completamente raggirati a suon di scommese, per poi esser catapultati a Buenos Aires, tra ricconi e corse automobilistiche.
La storia d'amore tra Nicky e Jess è però un'appendice che si cuce malamente al resto. Le note sentimentali, seppur sempre sul filo della possibile simulazione, sono poco coinvolgenti e a volte stonate. Difficile rimanerne avvinti. 

3) La simpatia di Adrian Martinez

Nel cast, accanto alle due star, troviamo il belloccio Rodrigo Santoro, già re Serse nel kolossal 300, nei panni del milionario spagnolo Rafael Garríga. Il suo scorbutico consulente e protettore Owens è interpretato da Gerald McRaney, il maggiore McGillis della sit-com anni '90 Agli ordini papà. Tra i ruoli minori a dare un tocco di scurrile e divertente irriverenza è Adrian Martinez, socio over-size di Nicky. Peccato però che la sua presenza sia davvero limitata.

4) Un ladro gentiluomo come coach

Per riprendere con dinamismo e lucidità i borseggi, Ficarra e Requa hanno impiegato inquadrature diverse e rallentato i movimenti. Per preparare gli attori hanno invece ingaggiato Apollo Robbins, conosciuto come Il Ladro Gentiluomo, che ha concepito e coreografato le manovre dei giochi di mano. Specialista dell'inganno, Robbins e sua moglie Ava Do hanno addirittura fondato una società che impiega le competenze di ex ladri, truffatori e hacker per studiare il comportamento umano. 
"Ho passato la mia vita studiando l'inganno e il comportamento umano, in un modo piuttosto poco ortodosso... derubando le persone", riconosce Robbins. "Invece di distogliere lo sguardo è necessario entrare e occupare le loro menti. La loro attenzione è controllata dai sogni, dalle paure e dai desideri. La gente spesso vede ciò che vuol vedere, piuttosto che concentrarsi su ciò che realmente accade. Quindi se è possibile controllare la loro attenzione, è possibile controllare la loro realtà".

5) Location e corse IndyCar

Focus – Niente è come sembra è stato girato nelle vere location protagoniste della trama: New York, New Orleans (in particolare il quartiere francese) e Buenos Aires. 
Gli appassionati di IndyCar invece riconosceranno il rombo autentico dei motori nell'incontro tra Garríga e Nicky, alle loro spalle. Le scene sono state filmate a Indianapolis 500 e al volante sono stati arruolati l'ex pilota di IndyCar Bryan Herta della Bryan Herta Autosport e il giovane pilota colombiano Carlos Muñoz, che si è piazzato secondo alla sua prima esperienza in IndyCar.

Voto: 2/5
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti